Resta in contatto

News

De Vrij: “Il mio periodo alla Lazio è stato indimenticabile”. Poi però si confonde sulle Coppe

In vista di Lazio – Inter il canale Youtube della Serie A ha pubblicato un intervista esclusiva realizzata con Stefan De Vrij.

Il suo addio alla Lazio non si può proprio dire che sia stato senza strascichi. Stefan De Vrij ha salutato 2 anni fa la capitale per approdare all’Inter. E si è portato dietro una rumorosa scia di polemiche. Un po’ per il mancato rinnovo sul contratto e un po’ per la pessima prestazione messa in campo nel match decisivo proprio contro la squadra cui si era già promesso per il futuro.

In vista di un altro match tra Lazio e Inter, in programma domenica sera e altrettanto delicato come quello del 20 maggio 2018, proprio il grande ex della partita è stato intervistato sul canale Youtube della Serie A.

Il mio periodo alla lazio è stato indimenticabile. Sono stato molto bene là. Me lo ricorderò per sempre. Abbiamo vinto partite bellissime come la Supercoppa e le due finali di Coppa Italia e siamo arrivati sempre molto in alto in classifica. È stato un bel periodo“.

Alla faccia dell'”indimenticabile”, i ricordi del centrale olandese sulla Coppa Italia sembrano invece un po’ sbiaditi. Potrebbe, per la verità, anche esser colpa di una traduzione non precisa delle sue parole in italiano. Resta il fatto che in realtà, purtroppo, le finali di Coppa Italia da lui disputate con l’aquila sul petto (2015 e 2017) sono state entrambe perse contro la Juventus. Ma infondo, anche fosse un lapsus, dopo un addio così turbolento il suo rapporto con la tifoseria laziale non può certo peggiorare ulteriormente.

L’intervista è poi proseguita sulla lotta scudetto:

“Questo è un gran momento per la Lazio, la Juventus e per noi (l’Inter, ndr). Siamo tutti là in cima se continuiamo tutti a vincere la corsa per lo scudetto sarà entusiasmante. Non sono sorpreso che la Lazio stia facendo così bene. Inzaghi è molto forte a creare spirito di squadra. Lo si vede ancora di più quest’anno. Non si arrendono mai, hanno vinto tantissime partite negli ultimi minuti e hanno dimostrato tanto carattere. Credo che questo sia merito suo“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News