Resta in contatto

Esclusive

On. La Russa a SLL: “Lotito il miglior presidente della Serie A. Risultato? Segna de Vrij”

La Russa: "Un torneo a 4 per lo scudetto. Spadafora? Ha più voce Lotito"

Quello che andrà in scena domenica sera tra Lazio e Inter è uno spareggio per l’alta classifica. In esclusiva ai microfoni di SololaLazio.it è intervenuto l’Onorevole Ignazio La Russa, storico tifoso nerazzurro.

Il telefono squilla, la voce dell’Onorevole Ignazio La Russa,. inconfondibile come sempre, dopo le presentazioni di rito esclama: “Viva la Lazio“. Domenica la “sua” Inter giocherà un vero e proprio spareggio per l’alta classifica. In esclusiva abbiamo raccolto le sensazioni a pochi giorni dal match.

Domenica andrà in scena una sfida importante per la lotta scudetto, difficilmente pronosticabile ad inizio campionato…

Sicuramente inaspettata, ma non solo per la Lazio, anche dalla stessa Inter nessuno si sarebbe mai immaginato che in pochissimo tempo potesse accorciare così il distacco dalla Juventus. I biancocelesti possono essere considerati la sorpresa di questo campionato, ma non dimentichiamoci che giocano da diversi anni a grandi livelli. Ogni anno che passa diventano più forti. Il segreto dell’Inter è Antonio Conte. La rosa è diventata completa dopo il mercato di gennaio, in estate è stato fatto si un buon calciomercato, ma mancava qualcosa. Bisogna fare un grande applauso ad entrambe che stanno lottando per far cadere l’egemonia juventina in Serie A“.

Lazio e Inter sono accomunate anche da due società lungimiranti, che hanno permesso alle squadre di ricoprire un ruolo di protagoniste…

In casa nerazzurra l’arrivo di Marotta è stato molto importante. Stiamo parlando di un dirigente bravo e navigato. Ha fatto delle cose importanti perché dietro c’è una società solida, con un grande patrimonio individuale. La Lazio ha fatto ancora meglio dell’Inter sotto un punto di vista societario: Lotito, che è un mio amico, non è un colosso ma è un Superman (ride, ndr). Credo proprio che sia il miglior presidente della Serie A, i risultati che ottiene parlano per lui. La dirigenza laziale in questi anni ha lavorato benissimo: non hanno il bacino economico di molte altre squadre, ma con grande lungimiranza hanno ottenuto grandissimi traguardi“.

Cosa teme di questa Lazio?

Il centrocampo biancoceleste è molto forte. Ovviamente non posso non citare Immobile, ma il reparto centrale che possiede Inzaghi è di primissima qualità. Luis Alberto sta facendo la differenza. Un giocatore che fa invidia a tutti (ride, ndr). Il punto di forza della Lazio è proprio lui, anche il punto debole però, perché in rosa non c’è un calciatore che possa avvicinarsi alle sue qualità. Chiaramente non avendo le coppe, lo spagnolo come il resto della rosa possono fare diciassette partite ad altissimi livelli“.

Un pronostico?

Dico 1 a 1. Con la Lazio che va in vantaggio e con l’Inter che trova il pareggio all’ultimo minuto con il gol di de Vrij“.

 

 

Vieni a dare uno sguardo alle foto della nuova mostra sulle bandiere della Lazio:

Inaugurata la mostra fotografica di Marcello Geppetti e Maurizio Panzaniello (foto)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Esclusive