Resta in contatto

News

Lazio, Tare: “Un mese fa eravamo brocchi. Con la Juve più che alla pari”

Tare duro contro Spadafora: "Non sta aiutando il calcio italiano"

Lazio, ieri alla fine della cena di Natale ha parlato il diesse che ha fatto il punto parlando anche della Supercoppa di domenica

Le parole di Igli Tare, ds della Lazio, rilasciate a margine della cena di Natale di ieri della squadra biancoceleste:

È una serata speciale, è una festa che ci riunisce tutti quanti, con le famiglie e i nostri cari. Perciò va anche goduto col giusto entusiasmo, che stiamo vivendo in questo periodo. È un momento bello, magico: va salvaguardato, ma bisogna anche capire che la strada da fare è lunga e dobbiamo essere bravi a proseguire in questo cammino difficile”.

Ha detto che non bisogna temere la parola scudetto. Cosa ha pensato dopo una rimonta così clamorosa?
“Ha confermato quello che ho detto prima della partita, viviamo in una città dove serve poco per passare dalle stelle alle stalle. Ci manca equilibrio e dobbiamo essere bravi in questo: meno di un mese e mezzo fa eravamo tutti dei brocchi e dovevamo andare tutti a casa. Ma eravamo consapevoli della forza di questo gruppo, è stata la miglior preparazione da quando faccio questo mestiere. Ci serviva tempo, ci serviva la partita giusta, che è stata quella con l’Atalanta. Da lì non ci siamo più fermati. Peccato per l’Europa, siamo usciti più per colpe nostre. A me piace essere entusiasta, mi piace dire che non bisogna avere paura di lottare per lo scudetto. Però dobbiamo anche essere cauti: il cammino è lungo e le altre squadre sono costruite in modo diverso. Noi dobbiamo essere bravi nel rimanere coi piedi per terra”.

Siete diventati una grande squadra dopo questa vittoria?
“Non certifica niente. È una vittoria di campionato arrivata con lo spirito giusto. Mancava un po’ a questo gruppo, che finalmente l’ha trovato. È un gruppo che non nasce oggi, ma da un bel po’ di tempo. Ora ci sono le certezze, ci sono i risultati: non ci dobbiamo fermare e dobbiamo cercare di vincere contro la Juventus. Penso che ce la possiamo giocare alla pari contro di loro in Supercoppa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News