Resta in contatto

Approfondimenti

Le Cardopagelle di Rennes – Lazio: solo due sufficienze, per il resto…

Rennes - Lazio, Europa League 2019/20

Le mie pagelle per Rennes – Lazio.

Proto 6

Di quelli entrati dall’inizio, l’unica sufficienza la merita lui. Con qualche tuffo evita un passivo peggiore.

Bastos 4.5

Non gli andava di giocare questa partita. Ripresa disastrosa, atteggiamento irritante. Peccato, perché altre volte in Europa League non aveva avuto questo approccio.

Vavro 5

L’avvio illude, poi si fa rubare troppo facilmente un pallone mentre lo porta fuori dall’area e da quel momento perde sicurezza. Esce per infortunio al ginocchio, speriamo niente di grave. Un passo indietro, dopo i segnali positivi contro il Cluj, ma certo la squadra non lo aiuta.

Acerbi 5

La sua prestazione negativa è lo specchio della Lazio di Rennes. Leone caro, qualche volta il turnover deve coinvolgere anche te: spero che Inzaghi faccia tesoro della lezione per il prossimo anno.

Lazzari 4.5

Stanco, spento, appannato: l’immarcabile Speedy ha mandato la controfigura. Lui intanto si concentra sulla grande partita di lunedì a Cagliari.

Parolo 5.5

Si batte da capitano, affonda il tackle senza risparmiarsi, come se fosse una gara vera, ma certo la qualità stasera non c’è.

Cataldi 5

Passo indietro, da vice-Leiva, anche per Danilo. Un po’ confuso, non riesce a tenere legata la squadra come invece fa sempre il suo maestro. Però intorno a lui i compagni corrono poco e male, va detto.

Luis Alberto 5

Ci fa stare con il fiato sospeso perché la cosa importante era che non si facesse male. Missione riuscita. Per le giocate da Toque, aspettiamo lunedì. Perdonatissimo.

Jony 4.5

Parte con un buon cross, resterà l’unica cosa bella della sua partita. Nervosissimo, rischia anche di incattivire la gara: l’ultima cosa di cui avesse bisogno la Lazio in questa serata. Non riesce a sbloccarsi.

Caicedo 5

Primo tempo nullo, ripresa di lotta ma senza tirare. Una punta come lui dipende dal gioco della squadra: se questo latita, non si possono chiedere miracoli alla boa.

Immobile 5

La linea alta della difesa francese potrebbe favorirlo, ma non è serata per Ciro e per la Lazio. Che bello vederlo uscire sano. Forza Ciro, a Cagliari devi riprendere la corsa.

Berisha 5

Corre a vuoto e sbaglia passaggi. Con la testa sembra lontanissimo dalla Lazio.

Falbo 6

Esordio scivoloso per il ragazzo della Primavera, nel senso che lì sulla sinistra spesso perdeva aderenza con il terreno: colpa dell’emozione o degli scarpini? Ma conta che abbia assaggiato il calcio dei grandi, applausi.

Adekanye sv

Cerca di proporsi con qualche scatto, ma né Caicedo né gli altri lo trovano.

Inzaghi 5

Neanche un mix tra Conte e Mourinho sarebbe riuscito a motivare la squadra stasera. Peccato gli infortuni di Patric e Marusic, magari avrebbero avuto qualche stimolo in più. L’importante comunque è che la Lazio vera non fallisca a Cagliari. Forza Simone!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Approfondimenti