Resta in contatto

News

Repubblica on line: “Così è nata la Lazio spettacolo”

La storia della Lazio raccontata dalla Gazzetta dello Sport

Su Repubblica.it un articolo del nostro direttore Giulio Cardone descrive come è nata la Lazio spettacolare di questo periodo.

Impossibile nascondere la realtà. La vittoria sulla Juventus ha fatto entrare la Lazio tra le squadre in lotta per il vertice. A cinque punti dalla capolista, scrive il nostro direttore Giulio Cardone su la Repubblica.it, è quasi obbligatorio sognare.

Nell’articolo pubblicato on line, si parla di numeri significativi. In squadra ci sono il capocannoniere e il re degli assist della serie A e d’Europa. I biancocelesti hanno il secondo miglior attacco e la seconda miglior difesa del campionato. Sono a sette vittorie consecutive e hanno tenuto la porta inviolata in 5 occasioni.

Ma più dei numeri impressiona il gioco sciorinato. Frutto delle idee tattiche del mister e delle intuizioni di mercato del ds Tare. Lazzari è già diventato protagonista nel modulo di Inzaghi. Jony, Vavro e Adekanye per ora no, ma con un undici titolare che ruota intorno ai fantastici 4 ci si può permettere il lusso di aspettarli. E infatti nei fab four che si è esaltata la figura del dirigente albanese. Insieme Milinkovic, Immobile, Luis Alberto e Correa sono costati quanto il solo Bernardeschi. Uniti allo zoccolo duro dei vari Radu, Parolo, Lulic, hanno generato una crescita progressiva per ridurre il gap con le big.

L’allenatore ha completato l’opera riuscendo ad esaltare le loro caratteristiche, Una formula di gioco che vede affinare sempre più l’intesa tra gli interpreti. E quando non segna Ciro ci pensano un rigenerato Milinkovic, nel nuovo ruolo di guastatore, e qualche gol della difesa a risolvere. Acerbi sta vivendo un momento di grazia particolare, culminato nella conquista della maglia da titolare anche in Nazionale. Luiz Felipe sta diventando una certezza e anche Bastos e Patric sembrano aver acquisito più consapevolezza e fiducia. A questo va unito il netto miglioramento di Strakosha.

Il pezzo di Repubblica si conclude con un elogio allo staff di Inzaghi e con l’unica nota stonata che arriva dall’Europa League. Il turn over sistematico applicato quest’anno ha induvbbiamente penalizzato il cammino nel girone. Una qualificazione ormai avrebbe del miracoloso, ma questo non deve sminuire lo straordinario andamento della Lazio in campionato.

 

Leggi anche:

Corriere dello Sport di Roma: Lazio instancabile

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News