Resta in contatto

News

Lazio, Canigiani: “Lo store in centro? Lotito mi ha chiamato in piena notte”

Genoa - Lazio, Canigiani: "Assistete alla partita senza badare ai colori"

Lazio, il responsabile del marketing torna sulla giornata di ieri al centro e rivela l’iter con il presidente per la ricerca del negozio

C’è grande attesa nella Capitale per Lazio-Juventus, gara in programma sabato alle 20.45 all’Olimpico. Per gli ultimi aggiornamenti in merito Marco Canigiani è intervenuto in diretta su Lazio Style Radio

All’ora di pranzo abbiamo superato i 30 mila spettatori, quindi siamo intorno ai 50 mila considerando gli abbonati. Credo che raggiungeremo i 56-57 mila, forse anche 60. Più si esauriscono i settori popolari, più il ritmo diminuisce ovviamente. La vendita è libera e bisogna essere tempestivi anche nel riempire la Curva Maestrelli per non lasciarla ai tifosi della Juventus”.

Il responsabile del marketing biancoceleste è poi tornato sull’evento di ieri, ovvero l’apertura del nuovo store ufficiale in centro:

“Oggi è il suo primo giorno di vita. Siamo nel loop di Lazio – Juve, non è una delle settimane più facili dal punto di vista della gestione operativa. È stata una soddisfazione vedere i giocatori contenti, c’era un bel clima, i calciatori sono stati veramente disponibili e li ringrazio. È stato fatto un passo ulteriore nella crescita della società. Sapevamo che ce n’era bisogno ma andava trovata la location e la condizione giusta, crediamo di averlo fatto. Vedremo i risultati che poi condizioneranno i passi futuri, questo è il primo nella zona ma magari ce ne potremo permettere anche un altro”.

L’aneddoto con Lotito…

“Eravamo alla ricerca del negozio in centro da tanto tempo, ci arrivavano proposte di vario genere e ogni volta c’era un piccolo ostacolo. Quando eravamo parzialmente soddisfatti poi lui li andava a vedere la sera tardi, confermandoci i nostri dubbi. Quel giorno la visita non ci aveva soddisfatto al 100%, poi l’agente immobiliare ci fece vedere quest’ultimo locale che non avevamo in programma di visitare. Abbiamo subito pensato che fosse per noi, e il presidente poi mi richiamò qualche giorno dopo nel cuore della notte. È stato un iter abbastanza lungo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News