Resta in contatto

Approfondimenti

Le Cardopagelle di Sassuolo – Lazio: Leiva rigenerato, Caicedo giovedì zoppicava…

Sassuolo - Lazio, gol Felipe Caicedo

Sassuolo – Lazio consegna la quinta vittoria consecutiva alla squadra di Simone Inzaghi: vediamo insieme i voti e i giudizi della sfida del Mapei Stadium

Ecco i miei voti per Sassuolo – Lazio. 

Strakosha 6.5

Merita un bel voto per i lanci sempre perfetti, tranne uno per Lulic a inizio ripresa. Inzaghi dirà “non ricordo parate di Strakosha”, e stavolta ha ragione.

Patric 7

Lo premio, nonostante sia lui a tenere in gioco Caputo nell’azione del pareggio (e lì si vede che non ha la testa da difensore), perché fa un salvataggio nella ripresa su Djuricic che vale 3 punti, per com’è andata. E poi sempre preciso e coraggioso nella spinta, perfino eccessiva quando sbatte sul muro del Sassuolo nel finale rischiando un contropiede pericoloso. Ma in crescita costante e sempre più sicuro: l’asse con Lazzari, quando Patric gioca a destra come nel primo tempo (nella ripresa si è spostato dall’altra parte), è davvero interessante per quello che sa creare.

Luiz Felipe 6

Sbaglia solo in occasione dell’ammonizione che gli costerà la sostituzione, ma per il resto molto meglio, da centrale difensivo, rispetto alla partita con il Lecce. Progressi nel senso della posizione, soprattutto, il che gli consente qualche lettura preziosa in occasione di attacchi pericolosi del Sassuolo.

Acerbi 6.5

Una sola ingenuità, nella ripresa, ma per fortuna i compagni rimediano. Per il resto spinge quando gioca da stopper di sinistra ed è fondamentale in copertura quando, nella ripresa, torna nel suo ruolo di centrale. Leone emozionato perché affrontava la sua ex squadra, ma sempre imprescindibile.

Lazzari 6.5

Irrefrenabile sulla fascia di competenza nel primo tempo, crea tante situazioni pericolose con la sua velocità: nella ripresa viene chiamato in causa di meno, ma si rende utile in fase difensiva. Stravince il duello con Boga. Sempre meglio, il nostro Speedy Lazzari.

Milinkovic 6

Immobile gli nega il gol respingendo un suo tiro promettente, non si ricordano guizzi particolari in attacco ma fa un lavoro super, nella ripresa, in fase difensiva. Quello permette alla Lazio di non subire ripartenze letali nel secondo tempo, con i compagni di reparto più stanchi. Si è sacrificato tanto, insomma, e va premiato con la sufficienza nonostante le sue giocate geniali siano mancate alla squadra e a noi, eccome.

Leiva 7

Un diesel da amare. Primo tempo in affanno (da umile tappabuchi) per il baricentro troppo alto della squadra; ripresa – in particolare la mezzora finale, quando gli altri boccheggiano e lui domina a centrocampo – da Mezzasquadra vero, recuperatore seriale di palloni sempre distribuiti con intelligenza, senza commettere falli e con l’idea costante di andare a far male al Sassuolo, anche quando il pareggio sembrava inchiodato. Mentalità vincente meravigliosamente trasferita alla squadra. La sosta lo ha rigenerato, sollievo e applausi.

Luis Alberto 7

Un po’ troppo lezioso, ma proprio nel finale il doppio scambio con Caicedo è roba da maghi, con il nono assist in campionato. Grande Toque, nonostante certe volte mi fai arrabbiare perché puoi gestire meglio il contropiede, in particolare sull’1-0. Ma con te in campo a inventare calcio, trovando corridoi che calciatori normali non vedrebbero mai, la Lazio è bellissima.

Lulic 5.5

Non una gran giornata per il capitano coraggioso. Ammonito perché il suo diretto avversario, Toljan, gli va via con facilità, si fa beffare da Peluso sulla deviazione aerea che diventa l’assist per l’1-1. Inzaghi non gli dà tempo di rifarsi, subito sostituito nella ripresa.

Correa 6

La sufficienza è per il passaggio a Immobile che va a segnare il suo gol numero 15, ma sinceramente dal Tucu oggi mi aspettavo molto di più. Giusto sostituirlo, anche se adesso che sappiamo com’è andata è più facile dirlo (eheheh).

Immobile 7

Quando uno segna 20 gol in 19 partite stagionali, tra Lazio e Nazionale, e colpisce per l’ottava partita consecutiva, c’è poco da aggiungere. Grande Ciro, non fermarti mai.

Caicedo 9

Doppio scambio con Luis Alberto, protezione della palla da centravanti puro, poi si gira e colpisce di destro, lui mancinissimo, per regalarci la quinta vittoria di seguito. Secondo gol in campionato, un vice-Ciro decisivo. E pensare che giovedì zoppicava perché mercoledì in allenamento si era fatto male alla caviglia (distorsione): grazie allo staff medico che l’ha rimesso in piedi, grazie a Inzaghi per averlo fatto entrare al momento giusto, grazie al Panterone per un gol da 3 punti.

Lukaku 5.5

Quando sbaglia, rimedia. Certo la forma ancora non c’è, si è visto in quel cross sballatissimo, ma giusto che metta minuti nelle gambe e ritrovi il ritmo partita. Tornerà decisivo come a Firenze, oh yes.

Bastos 6

Entra in campo e sembra un po’ addormentato, gli avversari vanno al doppio della velocità, poi pian piano si sveglia e diventa più reattivo, anche quando deve accompagnare l’azione. Alla fine arriva alla sufficienza anche grazie a… Caicedo.

Inzaghi 8

Voto altissimo per la quinta vittoria di seguito, per il coraggio di insistere sul modulo offensivo, per l’intuizione di far entrare Caicedo al momento giusto. Non arriva al 9 perché le due sostituzioni precedenti non mi avevano convinto granché. Ma conta che i suoi pirati non abbiano fallito, bisognava conquistare i 3 punti e l’obiettivo è stato centrato. Anche grazie alla mentalità vincente, molto manciniana, che ha saputo trasmettere ai suoi: nel finale la Lazio non si è accontentata del pareggio, voleva vincere a tutti i costi e ce l’ha fatta. Bravo Simone, coraggio premiato, avanti così.

3 Commenti

3
Lascia un commento

avatar
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Raffaele Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Raffaele
Ospite
Raffaele

Batticuore fino al termine. Una costante. Ottimi Luis, Leiva e Lazzari

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

GRAZIE RAGAZZI

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

A Luis Alberto solo 7??

Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Il più grande centrocampista della Lazio,sempre dopo Antonio Elia Acerbi,non gli ho visto mai passare la palla indietro😳"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Signori.Che Spettacolo.Beppegool. il Capitano."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mitoche non dimenticherò mai"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti