Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Sassuolo – Lazio, la partita speciale di Francesco Acerbi

Acerbi spiega: "Riunione con Lotito? Notizie false, mi danno fastidio"

Al Mapei Stadium, il difensore biancoceleste ha ricevuto tanto affetto da parte dei suoi ex tifosi. Poi la festa sotto il settore dei laziali – di Giorgio Bicocchi

Un saluto a familiari e amici, seduti alla destra della Tribuna centrale. Poi Francesco Acerbi, cinque anni in neroverde, quasi 160 gettoni e 11 reti, si è schierato a sinistra della difesa biancoceleste.

Il coro affettuoso per lui da parte dei suoi vecchi tifosi è scattato – ironia della sorte – dopo il gol di Immobile. Lui, “Ace”, regala sempre l’impressione che, spostato a sinistra, fatichi a guidare il reparto. Il Sassuolo, nel primo tempo, ha spinto essenzialmente dalle sue parti con quegli scambi rapidi tra Caputo e Diuricic.

Acerbi ha comunque annacquato le offensive neroverdi con il consumato mestiere. Nulla poteva sul gol di Caputo, lasciato solo soletto da Immobile. Segno che, dietro, qualche  automatismo difensivo fa sempre cilecca. Poi, nella ripresa, tornato dominante della retroguardia dopo l’uscita di Lulic e Luis Felipe, un brivido per una palla perduta sull’out di destra.

“Ace”, in un finale caotico, pur nel mezzo di una gara normale e non stupefacente come al solito, ha avuto comunque il merito di accorciare la squadra. Dando la stura agli ultimi assalti, culminati con la rasoiata di Caicedo. Ed è andata bene anche stavolta. Con la squadra che, sia pure non sorretta dagli estri di Correa e Milinkovic, è riuscita ancora una volta, come a Firenze e a Milano, a dare la zampata giusta al fotofinish.

E, alla fine, mentre il Mapei neroverde sfollava, ecco la festa sotto il settore degli oltre duemila tifosi biancocelesti. Lazio a quota 27, capace di scavare un bel solco tra sé e l’Atalanta e il Napoli. Con Acerbi leader e anima pensante di una squadra che talvolta si specchia troppo, ma non molla mai.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Approfondimenti