Resta in contatto

News

Immobile: “Il gol è ossigeno. Vogliamo toglierci tante soddisfazioni”

Ciro Immobile 30 e lode: i vostri auguri di buon compleanno

Immobile è il capocannoniere della Serie A con 14 reti in 12 gare: è a +4 da Lukaku dell’Inter. In stagione i centri all’attivo sono 19

Immobile ha parlato al canale ufficiale Youtube della Lega di A, che ha voluto omaggiarlo con una bella intervista. Ecco le parole dell’attaccante della Lazio, primo in classifica marcatori a quota 14 reti:

“Il gol per me è vita, ossigeno, ti dà quella fiducia in più per affrontare la partita seguente. Quando si segna, si vuole continuare a farlo. Cosa mi piace più di me? Che non mollo mai,  non mi sono mai abbattuto, ho cercato sempre di andare avanti. 100 gol? Sono felice, è un traguardo importante, che premia il lavoro che ho fatto in questi anni con i compagni. E’ un traguardo da dividere con tutti, la squadra mi metteva in condizione di esprimere il mio potenziale. E’ stata una bella emozione vedere il mister al Bologna, mette in campo una squadra tignosa, difficile da affrontare. Potevamo spuntarla col rigore alla fine, ma il pareggio è stato il risultato più corretto”.

Immobile sugli obiettivi della Lazio

Quando si sale di livello e intorno ti si crea un certo entusiasmo diventa difficile mantenere i piedi per terra e gestire la pressione. Però bisogna sempre cercare di migliorare per restare a quel livello e addirittura superarlo. A noi manca un po’ di continuità nei risultati, perché a livello di prestazioni ci siamo sempre. Cerchiamo di fare la gara contro qualsiasi squadra, se riuscissimo a migliorare quell’aspetto potremmo toglierci tante soddisfazioni”.

Immobile su Lazio-Atalanta

“La partita con l’Atalanta è stata pazzesca, anche chi non è tifoso né dell’una né nell’altra si è divertita. L’ultimo rigore è stato pesante, dopo una rimonta così sarebbe stato un peccato perderla.L’ultimo rigore era pesante, bisognava buttarla dentro in tutti i modi perché dopo una rimonta così sarebbe stato un peccato perderla. Anche quella con la Fiorentina è stata un partita bella, tirata, contro una squadra forte. Riuscire a portare a casa 3 punti da lì è stata una spinta in più. Quando sei ‘on fire’ senti che qualsiasi cosa entra in area puoi trasformarla in gol. Sento il gioco cucito su di me, ma soprattutto la fiducia. Per questo devo ringraziare il mister e tutto lo staff che mi mettono sempre nella condizione di giocare bene. La fiducia te la devi guadagnare in campo e fuori dal campo, dando una mano anche nei momenti più difficile”

Immobile su Inzaghi

“Con il mister, l’ho sempre detto, è stata una crescita parallela. Lui è cresciuto e sta crescendo tanto come allenatore, io in questi anni come calciatore. Ho sempre cercato di seguire i suoi consigli per quanto riguarda il campo”

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Forza Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

BRAVISSIMO GRAZIE 💙💙💙💙💙💙💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Grande Ciro immobile bomber il nostro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Condivido questo ossigeno non ve lo fate mai mancare vai Ciro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Ciruzzo the best 👍💪👍💪👍💪

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Sei Grande Cirooooo!!! Forza Lazio 💙💙💙💙💙💙💙💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Non dare retta a nessuno Ciro guarda avanti e non ti curar di loro 👍👍👍

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Ciro sei fortissimo sempre forza Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Grandissimo continua cosi❤️❤️❤️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Grandissimo Cirocontinua sempre così mi fai ricordare Il grande Giorgio Chinaglia che in campo ci metteva cuore ❤️ e grinta

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News