Resta in contatto

Oltre la Lazio

Tottenham, ufficiale: Josè Mourinho è il nuovo allenatore

Coronavirus, lo Special One in aiuto agli anziani come volontario

In Inghilterra, ieri sera il Tottenham ha esonerato il tecnico Pochettino. Al suo posto annunciato stamattina l’ingaggio di Josè Mourinho.

Lo Special One torna in panchina. Dopo la fine della sua avventura al Manchester United nel 2018, Josè Mourinho si è preso un anno sabbatico prima di accettare poche ore fa la panchina del Tottenham.

I londinesi hanno comunicato ieri sera di aver sollevato dall’incarico Mauricio Pochettino. Questa mattina l’annuncio ufficiale sul sito dell’ingaggio del portoghese. Contratto quadriennale per lui. Questo il comunicato sul sito:

“Siamo lieti di annunciare la nomina di Jose Mourinho come Head Coach con un contratto che durerà fino alla fine della stagione 2022/23”.

 

Leggi anche:

Corriere dello Sport di Roma: “Ciro d’Europa”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Oltre la Lazio