Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, come stanno andando i giocatori in prestito?

Calciomercato Lazio, Igli Tare

Lazio, diversi i giocatori in prestito lontano da Roma: Maistro continua a sorprendere, Palombi autore di gol decisivi a Cremona

Tempo di sosta per le nazionali, tempo di altri bilanci su quest’inizio di stagione. Per la Lazio di Inzaghi, sì, ma anche per i ‘laziali’ che stanno giocando in prestito lontano da Formello. Ecco l’analisi sul loro inizio di stagione:

Di Gennaro (centrocampista, classe 1988, Juve Stabia) 
Aveva iniziato bene la stagione, con 4 presenze su 4 (3 da titolare) e buonissime prestazioni. Poi il calo e – complice un infortunio – dopo l’ultima sosta è sceso in campo soltanto 13′ minuti sabato nel match interno contro il Benevento (1-1).
Presenze: 5
Da titolare: 3

Alessandro Rossi (attaccante, 1997, Juve Stabia)
Prima dell’ultima sosta per le nazionali, aveva deciso la gara contro il Trapani con due assist nel finale. Sembrava l’inizio di un percorso virtuoso, ma in queste tre settimane non è mai stato impiegato come titolare. Anzi, ha raccolto soltanto 9′ minuti, sabato nel derby campano col Benevento (1-1).
Presenze: 5
Da titolare: 3

Cristiano Lombardi (centrocampista esterno, 1995, Salernitana)
È stato un ottobre in crescendo per l’esterno di Viterbo, rientrato dopo un lungo infortunio. Ha riassaporato il terreno di gioco piano piano, fino a riprendersi la maglia da titolare nelle ultime due uscite.
Presenze: 7
Da titolare: 4

Cedric Gondo (attaccante, classe 1996, Salernitana)
Sempre convocato dalla Salernitana, ma effettivo protagonista soltanto di recente. La prima apparizione in B è quella del 29 ottobre, poi titolare nelle due seguenti. Per lui un assist decisivo all’attivo contro la Virtus Entella.
Presenze: 4
Da titolare: 3

Patryk Dziczek (centrocampista, classe 1998, Salernitana)
Un paradosso a Salerno: a luglio il polacco giocava i preliminari di Champions con il Piast Gliwice, poi Ventura non l’hai mai utilizzato. Da una settimana è ai box per un infortunio al ginocchio, tanto da costringerlo a non poter rispondere alla convocazione della Polonia U21. Ne avrà ancora per un mese.
Presenze: 0

Andreas Karo (difensore, classe 1996, Salernitana)
Ha fatto percorso netto in campionato, sempre presente. È stato sostituito solo una volta lo scorso 16 settembre, al 58′, contro il Benevento. Da difensore, ha preso 3 gialli finora.
Presenze: 14
Da titolare: 14

Sofian Kiyine (centrocampista, classe 1997, Salernitana)
Con Lombardi gioca a sinistra nel 3-5-2 di Ventura, oppure a destra se non c’è l’altro ex Lazio. Insomma, la sostanza non cambia: il ’97 gioca sempre titolare con la Salernitana con cui ha già 5 gol all’attivo (4 in B e 1 in Coppa Italia).
Presenze: 13
Da titolare: 13

Fabio Maistro (centrocampista, classe 1998, Salernitana)
La sorpresa più bella di quest’inizio di annata per la Salernitana. L’anno scorso era in C, oggi grazie alle sue prestazioni a Salerno è entrato in orbita della Nazionale U21: Nicolato l’ha convocato per la seconda volta consecutiva anche per i prossimi impegni degli azzurrini.
Presenze: 14
Da titolare: 9

Simone Palombi (attaccante, classe 1996, Cremonese)
Pesante l’ultimo gol segnato contro il Frosinone, per portare a Cremona un punto importante. In totale i gol sono 4 (2 in Coppa Italia) per l’attaccante di Tivoli, che gioca sì ma non sempre con molta continuità. Il motivo è la tanta concorrenza che c’è nel reparto offensivo con giocatori del calibro di Ceravolo, Ciofani, Soddimo e Piccolo a giocarsi il posto.
Presenze: 13
Da titolare: 8

Marius Adamonis (portiere, classe 1997, Catanzaro)
Ha giocato le due gare di Coppa Italia a inizio stagione, mentre in campionato è il secondo di Di Gennaro;
Presenze: 2
Da titolare: 2

Wallace (difensore, classe 1994, Braga)
Un infortunio lo aveva tenuto lontano dai campi per quasi tutto settembre, mentre a ottobre è tornato abile e arruolabile. In campionato ha collezionato 3 presenze (1 di un solo minuto), mentre ha giocato 90′ in Europa League nella vittoria per 3-1 contro il Besiktas.
Presenze: 5
Da titolare: 4

Milan Badelj (centrocampista, classe 1989, Fiorentina)

Perno del centrocampo della Fiorentina di Montella, che ci ha rinunciato soltanto nella vittoria esterna contro il Sassuolo. Due settimane fa contro il Parma ha indossato anche la fascia di capitano. Molto positive le sue prove, fatta eccezione di quella di domenica nella disfatta di Cagliari, ma del resto in terra sarda tutta la squadra viola ha fatto male. Il prezzo del suo riscatto è di 4 milioni;
Presenze: 13
Da titolare: 12

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Approfondimenti