Resta in contatto

News

Lazio, Corriere dello Sport: “Lazio verticale. La nuova era”

Lazio, Milinkovic, Luis Alberto e Correa: un tris da 250 milioni

Il Corriere dello Sport elogia il gioco della lazio proposto da Inzaghi. In particolare viene evidenziato la ricerca della profondità e la velocità delle azioni

Nelle pagine del Corriere dello Sport è stato analizzato il gioco della Lazio. Il gol di Correa a San Siro è proprio l’emblema di questo gioco caratterizzato da una grande velocità di esecuzione e di una grande aggressività nell’attacco alla porta avversaria.

Quel gol contro il Milan ha evidenziato tutte le caratteristiche di questa Lazio: Immobile e Correa lanciati in porta da Luis Alberto. La miglior coppia d’Europa insieme con il miglior assist-man del campionato. Inzaghi è riuscito, con le sue idee, ha dare sfogo a tutte le caratteristiche dei suoi giocatori offensivi: Immobile prima punta atipica ma molto forte allo stesso tempo e capocannoniere della Serie A con 14 reti, Joaquin Correa ex attaccante esterno, giocatore con un grande cambio passo e una progressione paurosa, ora letale sotto porta con 6 reti all’attivo in campionato, e ultimo ma non ultimo Luis Alberto. Il numero 10 della Lazio sembra essere il vero perno del gioco che vuole proporre Inzaghi. Come i suoi compagni non concede riferimenti, è stato arretrato dal mister, mettendo in regia Leiva. Lo spagnolo è stato bravissimo a calarsi nella parte alternando gioco corto e gioco lungo.

Tutto questo è merito mister Inzaghi edelle sue idee. Per l’attuale allenatore biancoceleste, questa è la quarta stagione in biancoceleste. Ormai è dalla primavera del 2017 che insiste con il 3-5-2 e a due anni di distanza è riuscito a dare una versione più offensiva di questo modulo. Come scritto dal titolo del Corriere il gioco di Inzaghi è verticale. Questo vuol dire pochi passaggi orizzontali, e subito attacco alla porta dopo la riconquista della palla. La Lazio per palloni intercettati è la seconda squadra in Italia con ben 130 recuperi, meglio ha fatto solo il Torino. La chiave del gioco dunque è quella di rendere la fase difensiva come un’aggressione che permette di ribaktare l’azione e di arrivare davanti la porta con due\tre tocchi. Ad inizio campionato la squadra ancora non aveva trovato l’equilibrio adatto a questo stile di gioco, molto dispendioso a livello di energie, tenendo la linea difensiva alta e quindi perdendo le distanze in partite come il derby, o con la sconfitta di Ferrara e in Europa contro il Cluj.

Ora è stato trovato un’equilibrio che permette di ottenere i risultati sperati: meno pressing alto e atteggiamento attendista per proteggere la difesa e creare spazio davanti. Da qui sono arrivati numerose vittorie roboanti come l’ultima contro il Lecce. È stato anche abbassato il baricentro della squadra (51,4 metri contro 50,3 dopo 12 partite), è questo ha fatto trarre benefici alla squadra. Inoltre la squadra quando è schierata in campo è compatta e corta e sfrutta meglio l’ampiezza per poter usare al meglio le caratteristiche di Lazzari in modo da ribaltare l’azione. I segni di questo calcio offensivo si notano e nell’ultima partita i dati sono eclatanti: solamente Patric e Luiz Felipe hanno trascorso la maggior parte dei 90 minuti nella proprio metà campo, mentre gli altri l’hanno passata in quella dei giocatori del Lecce.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News