Resta in contatto

News

Rassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani sportivi (foto)

Rassegna stampa di sabato 9 novembre, le prime pagine dei principali quotidiani sportivi nazionali.

Rassegna stampa di questo sabato incentrata sugli anticipi di serie A. Tutte le prime pagine dei tre principali quotidiani sportivi nazionali parlano del big match tra Juventus e Milan. Anche la situazione in casa Napoli fa ancora discutere.

Sul Corriere dello Sport il titolo principale è proprio per gli Azzurri “Scurdammoce ‘o passato“. In campo nel pomeirggio contro il Genoa per lasciarsi alle spalle contestazione e ammutinamento. In taglio alto “Il nuovo Higuain spaventa il Milan“. L’argentino, tra gli ex della sfida, sembra rinato sotto la guida di Sarri.

Oltre ai due titoli principali, il CorSport a fondo pagina parla anche della sfida di domenica all’Olimpico tra Lazio e Lecce. In particolare, riprese le parole di Liverani, ospite ieri della redazione: “Salvo il Lecce, amo la Lazio, aggiungendo poi: “Non dimentico il passato, sogno un grande futuro“.

Sulla stessa lunghezza d’onda del corriere è l’apertura di Tuttosport.Milan pentito?” è l’allusione a Higuain, flop a Milano, tornato al top all’ombra della Mole.

La Gazzetta dello Sport titola “Juve-Milan mai visto“. Il divario in classifica è senza precedenti. Il valore delle due rose e l’esperienza internazionale degli uomini bianconeri rispetto a rossoneri sono imparagonabili. Oltre mille le presenze in più in Champions degli juventini. La sfida per i milanisti sembra quasi impossibile.

 

 

Leggi anche:

Serie A, il Sassuolo vince il derby emiliano col Bologna

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News