Resta in contatto

News

Lazio, Inzaghi in conferenza: “Champions l’obiettivo per alzare l’asticella”

Lazio, anno nuovo ma stessa corsa ai record: la prova del 9 di Inzaghi

La Lazio vuole dimenticare la sconfitta col Celtic e ripartire già contro il Lecce: leggi tutte le dichiarazioni del tecnico biancoceleste da Formello

Ultimo impegno per la Lazio prima della sosta: domani all’Olimpico contro il Lecce (ore 15), i biancocelesti vogliono dimenticare la sconfitta di Europa League con il Celtic e soprattutto dare seguito alle tre vittorie consecutive in campionato.

Alla vigilia della sfida con i salentini del grande ex Liverani, Simone Inzaghi interverrà in conferenza stampa dal centro sportivo di Formello: appuntamento alle ore 14.30, leggi qui tutte le sue dichiarazioni.

Ecco le dichiarazioni del tecnico biancoceleste:

Come è passata la nottata dopo Celtic?
“Ci dispiace, abbiamo perso in modo immeritato. Bisogna però guardare avanti e alla partita di domani, che sarà molto importante. Contro il Celtic abbiamo speso molto, è stato un incontro molto fisico. Veniamo da 3 vittorie consecutive in campionato, domani abbiamo una grande occasione ma il Lecce ha creato insidie anche a Milan e Juventus. Ha idee di gioco e può far male nelle ripartenze. Dovremo essere molto bravi”.

Hai qualche certezza nella formazione?
“Lulic e Luis Alberto giocheranno, giovedì hanno riposato per 60 minuti. Per gli altri dovrò valutare e parlare con i diretti interessati”.

Su Fabio Liverani:
“Ha fatto un bellissimo percorso, anche lui ha iniziato dalle giovanili. Ha messo in pratica le idee, ha fatto grandi cose a Lecce. La squadra gioca un ottimo calcio ed è propositiva. Ci sono giocatori esperti, che sanno cosa fare in campo. Lui ha dato la sua impronta”.

Uscire dall’Europa League è un vantaggio per il campionato?
“No. L’anno scorso, dopo la vittoria in finale di Coppa Italia, eravamo felici anche perché avremmo giocato in Europa League. Quest’anno sono successi imprevisti e delle sconfitte immeritate. Non cerco alibi, ma giovedì c’è stato negato un rigore sacrosanto. Quando si criticano gli arbitri italiani, bisogna guardare cosa succede in Europa. Var o non var, il tiro di Immobile è indirizzato verso la porta e l’arbitro era a 3 metri”.

Troppo ingenerose le critiche a Milinkovic?
“Ci aspettiamo tanto da Milinkovic. È uno molto generoso e sta lavorando nel migliore dei modi. Può fare meglio ma fa qualsiasi cosa gli chiedo, anche difendere di più quando gioca con Luis Alberto. Sta giocando tanto e spero possa fare sempre meglio”.

I limiti di questa squadra sono sempre gli stessi. Rimarranno tali?
“Non solo dal Celtic Park, ma dalla prima con la Samp giochiamo così ma concretizziamo poco. Abbiamo qualche amnesia dietro su cui stiamo lavorando per non avere più. A parte Juve e Inter le nostre concorrenti hanno gli stessi problemi”.

Perché abbiamo visto Lukaku solo a Firenze?
“Sta bene, ha fatto molto bene a Firenze quando è entrato. Col Torino, eravamo sul 3-0 al 50′, e ho pensato ad altre opzioni. Contro il Milan avevo fatto un doppio cambio, poi Caicedo si è fatto male e ho dovuto fare una sostituzione forzata. Deve continuare a crescere di condizione, può darci una grande mano”.

Come sta Correa?
“Ieri ha svolto un buon lavoro, ha fatto quasi completamente la seduta col gruppo. Spero che oggi sia nella migliore condizione, perché davanti Immobile e Caicedo hanno spinto tanto. Se Correa ci fosse stato giovedì, Immobile non avrebbe giocato contro il Celtic dall’inizio. Ciro è quello che ha accumulato più minuti ma credo abbia recuperato molto bene. Caicedo come sta? Ancora non lo so, non siamo ancora a 36 ore dal Celtic”.

La Lazio non riesce a reagire mentalmente?
“Stai pensando solo all’ultima partita. Contro la Fiorentina e col Milan, dopo che ci hanno pareggiato, abbiamo vinto. Giovedì col rigore netto avremmo vinto la partita”.

Sul campionato:
“Vogliamo migliorarci, crescere, ma sappiamo che abbiamo contro squadre importanti. Cercheremo di alzare quella benedetta asticella, fatta non solo di trofei, ma anche dal ritorno in Champions League. Ci proveremo con tutte le nostre forze”.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Succube del padrone Yesman

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Continuare con questo refrain, comincia ad essere stucchevole. Per affrontare la Champions League, bisogna acquistare un portiere, due centrali difensivi, due esterni bassi, un centrale di centrocampo, tre esterni alti, due punte…
…Quando li tira fuori tutti questi soldini, senza poi tralasciare la cosa più importante, allestire una panchina all’altezza.
Più rispetto per i tifosi, grazie.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Hai stufato.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Simone stai a regge il gioco al panzone..ogni anno andiamo in EL e ci fate vergognare..ma dove andiamo!!!

megadobrow
megadobrow
1 anno fa

puntare alla CL non è e non sarà mai un target plausibile per questa Società…la CL esige un aumento degli ingaggi e una campagna acquisti di livello per onorare la competizione ed evitare figuracce (quest’anno in EL abbiamo già dato), siccome il patron vuole vincere lo scudetto dei bilanci e della moralità si capisce come queste siano solo dichiarazioni di facciata di un mister che con la rosa che ha sta già facendo miracoli

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per alzare l’asticella servono giocatori con le palle!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

ma smettetela dove vogliamo andare con questa rosa? se va bene arriveremo come l’anno scorso.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Andare in Champions per presentarti con Kiyne, Vavro, Jony, Berisha, Caicedo, Radu, Parolo che ha bisogno dell’ossigeno. Ma per favore! La realtà è che se si dovesse andare in Champions, andrebbero acquistati 5-6 titolari di livello! E 5-6 riserve affidabili e non scommese raccatate di quà e di là. Questa è la verità, perchè se il “manico” continua a dire che la rosa allestita in estate era da 3 competizioni allora andiamo nel campo della malafede e dell’arroganza. Di nuovo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

ma basta co sta CEMPION… 10 sconfitte nelle ultime 13 partite in Europa league e pensiamo alla CEMPION… Ma se non abbiamo una rosa sufficiente per affrontare la competizione europea minore e dei limiti troppo grossi nella continuità e nella personalità, cosa dobbiamo andare a fare in CEMPION? A prendere goleade a raffica?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News