Resta in contatto

News

Corriere dello Sport, Lazio: in Europa errori e orrori

Lazio - Celtic, il migliore e il peggiore dei quotidiani

Il Corriere dello Sport analizza i motivi dei disastri europei di quest’anno. Solo 3 punti in 4 gare per disattenzioni, amnesie e gol regalati.

Nelle pagine interne il Corriere dello Sport analizza i disastri europei della Lazio. Mai prima d’ora i biancocelesti avevano solo 3 punti dopo 4 giornate in una fase a gironi. Le sconfitte contro Cluj e Celtic, ma anche il gol subito contro il Rennes, sono tutti frutti di errori individuali.

Il quotidiano parla di disattenzioni e amnesie che hanno messo a forte rischio la qualificazione. Marcature e uscite sbagliate, ultima quella di Berisha giovedì, hanno regalato i risultati agli avversari. Contro il Cluj, prima Leiva concede un rigore dubbio ma comunque evitabile, poi Vavro fuori tempo, Strakosha a farfalle e Bastos mal posizionato regalano il 2-1 finale. Contro il Rennes fu Milinkovic a perdersi l’uomo in area sulla punizione di Grenier. E le ultime due partite contro il Celtic sono due fotocopie. All’andata Parolo è stato molle su Edouard e con la complicità ancora di Leiva e Vavro che hanno perso Christie, ecco confezionato il pari. Nel finale Bastos ha lasciato libero Jullien nell’area piccola per il definitivo 2-1. Il ritorno è storia recente con le due palle perse sulla trequarti difensiva da Milinkovic e Berisha.

Ormai le possibilità di passare il turno sono bassissime. Però, scrive il giornale, le ultime due partite vanno giocate al massimo sempre. Almeno per evitare di scivolare troppo nel ranking.

 

Leggi anche:

Corriere dello Sport di Roma: “L’Europa fa paura”

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News