Resta in contatto

News

Lazio – Lecce, De Pandis (CalcioLecce.it): “Liverani? Spero sia accolto bene”

Liverani, un passato da laziale e un presente da tifoso romanista

Lazio – Lecce chiuderà il tour de force delle 7 partite in 21 giorni: poi ci sarà la sosta e la squadra poi farà visita al Sassuolo

Ultimo atto di due settimane molto intense per i biancocelesti, che domenica scenderanno in campo per Lazio – Lecce alle 15.00. Una gara da non sottovalutare e da non sbagliare per i ragazzi di Inzaghi, che in campionato sono reduci da 3 successi consecutivi contro Fiorentina, Torino e soprattutto Milan a San Siro. La classifica è tornata a sorridere con il 4° posto a 21 punti, 11 in più rispetto al Lecce (16°). Per analizzare i temi della gara e capire come sta la squadra di Liverani, il direttore di SoloLaLazio.it ha intervistato il collega Gabriele de Pandis di CalcioLecce.it:

Sarà una partita speciale per Fabio Liverani. Come si sta preparando e che accoglienza si aspetta all olimpico?

“A Lecce in questi tre anni abbiamo apprezzato il professionismo e la continua voglia di migliorare di un allenatore di fatto entrato nella storia del club. Spesso lui stesso ha definito ‘particolari’ le partite che i giallorossi affronteranno contro Lazio e Fiorentina. Credo si aspetti un’accoglienza positiva. Sarebbe un peccato se non fosse così. Il legame con la tappa romana del suo passato da calciatore entra spesso nelle conferenze stampa prepartita; gli aneddoti contro allenatori e compagini avversarie sono pescati spesso dai suoi anni biancocelesti. Dall’altra parte, però, c’è tanta voglia di ben figurare. Credo che al fischio d’inizio ogni emozione passerà”.

Il Lecce è una squadra “amata” dai tifosi laziali per la famosa vittoria – era la squadra di Barbas e Pasculli – che impedì alla Roma di vincere lo scudetto con eriksson in panchina. c e questa consapevolezza nella tifoseria del Lecce?

“Roma-Lecce 2-3 è una partita storica, oserei dire cult per le tifoserie di Lazio e Lecce. I tifosi più anziani raccontano spesso della ‘graditudine’ che i laziali esprimono nei confronti dei leccesi per quella vittoria, ininfluente visto la retrocessione aritmetica del primo Lecce di A nel 1986, ma importante per dei calciatori. Sicuramente, col passare degli anni, il cambiamento del modo di tifare da queste parti ha messo da parte molte dinamiche, ma sì, senza dubbio resta un ricordo”.

Raccontaci l’entusiasmo dell’ambiente per questa nuova avventura in Serie A. Di chi i meriti del ritorno del Lecce nel campionato più importante?

“La consideri una situazione estemporanea o c e un progetto preciso, che permetta al Lecce di restare stabilmente in A? I meriti partono dalla società. C’è voglia di crescita, ma senza voli pindarici. Sticchi Damiani e soci hanno ridato entusiasmo a una piazza depressa dagli anni di C e, in due anni, inaspettatamente si è arrivati alla massima serie. Senza dubbio ci sono state tante scommesse vinte, ma la continuità di progetto, uomini e cariche può far ben sperare i tifosi del Lecce. Il primo anno in A è difficilissimo, e delle complicazioni estive (come i lavori al Via del Mare) hanno complicato il calciomercato, condotto ottimamente per due anni da Meluso. In ogni caso, anche se sarà retrocessione, quest’annata fa parte di un progetto pluriennale”.

Ci sveli punti di forza e punti deboli della squadra di Liverani?

“Il Lecce, lo dico con un pizzico di orgoglio, gioca a calcio e ama rischiare sempre la giocata. Gli attacchi giallorossi, se affondati negli spazi, possono far male a chiunque. Dall’altra parte, la tenuta difensiva è ancora da registrare. Gabriel, autore di un avvio monstre, subisce troppi tiri. Manca quel piccolo passo in avanti sul piano della sicurezza”.

Quanto crede la tifoseria nella salvezza?

“C’è realismo per le difficoltà della massima serie, ma si acquisisce pian piano consapevolezza. Alla squadra si chiede lotta e sacrificio durante ogni partita. Il calendario in avvio è stato difficilissimo, ma i 10 punti sono in linea con le aspettative. I miglioramenti della squadra, nonostante i 4 punti sfumati con Samp e Sassuolo, alimentano speranze. La massiccia presenza all’Olimpico, in ogni caso, ci sarebbe stata indipendentemente dal rendimento in campo”.

Com’è considerata la Lazio dal mondo Lecce?

“Tra tifoserie non è mai corso buon sangue, anche se non ricordo episodi particolari. Alla Lazio ci lega il ricordo di due salvezze, quella matematica del 17.06.2001, con doppietta di Vasari, e quella “di fatto” del 5-3 centrato con Zeman”.

Ti aspetti un Lecce più coperto o propositivo come sempre? probabile formazione?

“Difficilmente, Liverani cambierà atteggiamento dopo undici partite condotte cercando di proporre gioco, quantomeno a sprazzi. Davanti a Gabriel, Meccariello, pupillo del tecnico, completerebbe la difesa tipo con Lucioni, Rossettini e Calderoni. A centrocampo ci sono poche alternative: Tachtsidis dovrebbe rientrare in regia, con Petriccione a destra e Majer a sinistra. Davanti, si sfrutterà il buon momento di Lapadula e Falco, supportati da Mancosu. Non è da sottovalutare però la voglia di rivalsa di Babacar, tanto seguito in estate e ancora non incisivo”.

25 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
25 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Applaudirlo è un dovere per ogni vero Laziale

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

BELLA PALLA DI LIVERANI PER DI CANIOOO….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Sempre accolto con un`applauso e con piacere!
Piede magico e sublime!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Grande giocatore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Perché no?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Bene solo per il lancio a Dicanio nel derby

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Grande lazioooo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

….in una Lazio in cui molti scappavano …lui è rimasto con estrema professionalità

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Con rispetto &affetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Con un grande applauso : Giocatore che in campo dava tutto onorando la maglia al 100/100 . Sebbene sia stato un giocatore tecnicamente eccellente ma poco dotato dal punto di vista fisico atletico , in campo si batteva con la tempra di un gladiatore . Memorabile la sua esultanza in campo dopo il derby vinto 3 – 1 che ha fugato ogni dubbio sull’attaccamento alla maglia . Quel derby è rimasto nella storia come il derby bis di Paolo Di Canio , ma io dico che l’assist leggendario di Fabio Liverani e’ stato altrettanto determinante ai fini del risultato .… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Un Grande abbraccio Liveron!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

È grande

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Indifferenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Con noi ha fatto più che bene

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Grande liverani

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Se mettesse a dieta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

So passati cinquant’anni e pure romanista indifferenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Verrà chiamato sicuramente sotto la curva.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Con la massima stima. Appalusi x Fabione Liveron.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Con rispetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Bene

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Con quell’assist per Paoletto un po’ di rispetto se lo merita

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

con un grande applauso

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Con molto Rispetto, ma senza PAURA !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Liveron ???.
Fabio la nostra maglia se l é sudata di brutto …. vi ricordate quanto è stato fischiato???

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News