Resta in contatto

Approfondimenti

Milan – Lazio, Cardopagelle: Luis Alberto, che lezione di calcio!

Lazio, buone notizie: il ritorno del Leone Acerbi e Magic Luis!

Dopo 30 anni, Milan – Lazio di campionato torna a sorridere ai biancocelesti: vediamo insieme i voti e i giudizi ai protagonisti di questa storica vittoria

Ecco le mie pagelle di Milan – Lazio.

Strakosha 6.5

Rimproverato da Milinkovic per la solita non-uscita all’inizio, poi non sbaglia nulla ed è sempre sicuro, anche su un corner velenoso di Calhanoglu. Nella ripresa perfetto in tutto, rilanci compresi. Nel primo tempo ne aveva sbagliato uno, ma chi se lo ricorda più?

Bastos 6

Sì, gli metto la sufficienza. Perché sull’autogol è più che altro sfortunato e fa un grande secondo tempo nonostante portasse sulle spalle quel macigno. Insisto: deve essere lui lo stopper di destra della Lazio. E il fatto che sia arrivata la vittoria nonostante l’autogol, può solo aiutarlo.

Acerbi 6.5

Si perde Piatek nell’azione del gol rossonero, ma per il resto è il solito baluardo insuperabile, di testa e di piede. È stanco, va bene, ma come fai a rinunciare a uno così, che gioca con questo cuore e questa voglia di vincere? Grande Leone.

Radu 6.5

Non c’è Suso, Castillejo va via una volta ma poi dalla parte del romeno, terzino-tifoso, non si passa più. Terza gara in una settimana e non accusa problemi fisici apparenti: siamo felici che in estate abbiano fatto pace, lui e la Lazio.

Lazzari 7

A parte quel meraviglioso cross per il gol numero 100 di Ciro, e il solito rigore che si procura e non gli concedono, non fa cose pazzesche. Ma l’assist è memorabile, quindi merita un bel voto. E poi Hernandez era il più pericoloso del Milan. Trottolino prezioso.

Milinkovic 5

Primo tempo irritante, qualcosa di meglio nella ripresa. Periodo negativo, sembra stanco, sicuramente è appannato. Il suo contributo è determinante per questo modulo offensivo: se gioca così, lento e indolente, la Lazio rischia troppo in fase difensiva. Non ha dato seguito ai proclami (su Instagram) della vigilia.

Leiva 7

Siamo contenti di aver trovato un vice in gamba come Cataldi, ma Mezzasquadra resta perno fondamentale, soprattutto in partite così intense e dove non si può sbagliare (quasi) niente. Ti abbraccio forte, professor Lucas.

Luis Alberto 10

Prendere il video di questa partita e consegnarlo su-bi-to ai giovani aspiranti registi offensivi. Una lezione di calcio dal Toque o Mago, chiamatelo come vi pare ma amatelo. È la vittoria di Inzaghi, che non ha smesso mai, neanche per un attimo, di credere nel suo uomo-luce. Settimo assist in campionato, ma soprattutto un repertorio formidabile di idee, giocate, intuizioni, delizie. Da segnalare un colpo di tacco incrociato alla Rivera (al Meazza i meno giovani ne hanno visti diversi) con tunnel annesso. Roba da pelle d’oca anche a scriverne, davvero. Grazie, Toque.

Lulic 6.5

Povero Calabria, è stato lui a dover rincorrere sulla fascia il bosniaco, che teoricamente doveva essere meno brillante del giovane milanista per ragioni anagrafiche e di presenze stagionali. Bello e significativo che sia stato lui il capitano di questa impresa, 30 anni dopo. Bollito a chi?

Correa 8

Si mangia il solito gol (e mezzo) nel primo tempo, ma pare lo consideri una specie di portafortuna. Usciti Immobile e Caicedo, s’inventa centravanti (in quel ruolo aveva fatto bene anche a Bologna, rigore a parte) e segna la rete della storia proprio da goleador, in contropiede con fucilata finale. Lui e Ciro ormai sono un marchio da esportazione: nelle ultime due trasferte, a Firenze e Milano, hanno colpito insieme. Che coppia, ragazzi. Al Meazza rossonero, il Tucu aveva già segnato il gol decisivo in Coppa Italia, si ripete e sinceramente ce lo sentivamo.

Immobile 8

Tocca tre palloni: la prima volta impegna Donnarumma, la seconda colpisce l’ennesimo legno della sua stagione (a portiere battuto), la terza segna di testa il gol numero 100 della sua meravigliosa avventura laziale. Gigante fermato solo da una coscia, la destra, affaticata. Allora il suo amico Simone sceglie di tutelarlo, e fa bene: la stagione è lunga e la Lazio è Cirodipendente. Dalla panchina sostiene e spinge i suoi compagni, da leader vero qual è.

Parolo 6.5

Sostituisce Milinkovic e regala sostanza al centrocampo. Preziosissimo nel finale, quando c’è da restare lucidi per portare a casa una vittoria attesa per troppo tempo.

Caicedo 6

Sfortunato il Panterone: sembrava in partita, si fa male alla spalla e deve uscire.

Cataldi 6.5

Quando gioca o entra, succede sempre qualcosa di importante. Stavolta addirittura di storico: nell’azione decisiva, porta via uomini della difesa rossonera e permette a Luis Alberto di trovare il corridoio giusto per il Tucu. Danilo talismano di qualità, sempre più dentro la sua Lazio.

All. Inzaghi 9

Il suo merito principale è aver creduto senza remore in Luis Alberto, e proprio nel ruolo di mezzala. Il gol del 2-1 la Lazio lo segna con lo spagnolo nella posizione di trequartista, ma l’importante è che Inzaghi non abbia mai fatto mancare la sua fiducia al Toque. È giusto che sia la banda di Simone, pirati un po’ pazzi ma belli e vincenti, a sfatare la maledizione del Meazza rossonero.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Ma come fanno a criticare Milinkovic se prima i criticoni non leggono le partite? Milinkovic tornava in difesa stava su tutti i contrasti vincendo e c’è pure chi non è soddisfatto?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

DIRETTORE CARDONE …. Milinkovic ha giocato diversamente dalle altre volte con compiti assai diversi…si è sacrificato tornando in difesa, rincorrendo gli avversari ed è stato sempre presente come un leone su tutti i contrasti oltretutto sempre vinti …. VOTO 5??? A te Direttore VOTO 2

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Fenomeno quando giochi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Er mago Luis grande.forzalazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Grande direttore di orchestra LUIS Alberto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Avanti Lazio! ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Bravi bravissimiiiiiiiii

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Buongiorno a tutti, grande Luis Alberto e sempre….FORZA LAZIO!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Luis Alberto?⚪????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Grande Luis e grande Lazio!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Bastos 6,5/7.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Bravi ragazzi siete l’onore del nostro calcio avanti sempre così con l’aquila sul petto e grande e forza Lazio ????❤️❤️❤️

Giovanna Vinciguerra
Giovanna Vinciguerra
8 mesi fa

I giudizi delle pagelle li trovo pressoché perfetti complimenti per la precisione e la fantasia

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Non sarebbe durato un solo giorno con questa Società. Lui,uomo onesto e vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Approfondimenti