Resta in contatto

News

Milan – Lazio, Inzaghi: “Ho sempre avuto la società dalla mia”

Lazio, anno nuovo ma stessa corsa ai record: la prova del 9 di Inzaghi

Al termine di Milan – Lazio è intervenuto ai microfoni di Sky l’allenatore biancoceleste, Simone Inzaghi: “Abbiamo vinto una partita importantissima”

L’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, è intervenuto ai microfoni di Sky. Queste le sue dichiarazioni:

“Crisi cancellata, abbiamo vinto partita importante e meritata contro una buonissima squadra. Abbiamo preso un gol fortuito ma siamo stati bravi a rimanere in gara. Abbiamo avuto qualche problemino ma anche dopo le sconfitte vedevo la squadra giocare bene, le prestazioni c’erano, ci abbiamo messo del nostro, ma abbiamo sempre fatto prestazioni all’altezza.

Penso che con i risultati di oggi  la classifica si sia accorciata. Ora bisogna dare continuità di prestazioni e risultati.

Sicuramente dobbiamo lavorare per toglierci qualche disattenzione. Mercoledì col Toro eravamo stati bravissimi e penso anche a Firenze. Stasera c’è stata un po’ di sfortuna. Ma è normale che giocando così proponiamo tanti uomini in attacco e dietro dobbiamo essere più bravi a prevenire certe situazioni, recuperare e compattarci.

Dobbiamo partire dal presupposto che quando comandiamo la partita 9 su dieci vinciamo. Anche stasera non era semplice perché veniva 3 su 3 a pressarci. Ma dobbiamo ancora migliorare, nel partire da dietro oggi potevamo fare meglio soprattutto nel primo tempo. Sapevamo che il Milan non poteva tenere quei ritmi avendo giocato giovedì ma non possiamo limitarci a mettere palle solo su Milinkovic dobbiamo anche costruire sennò si affatica troppo.

Per noi era importantissimo dare seguito alle due vittorie. Venivamo a San Siro con loro che avevano vinto giovedì. Dopo aver preso l’uno a uno non era semplice reagire. i giocatori sono stati bravi a reagire. Luis Alberto si sta meritando di essere tornato in nazio tre partite una meglio dell’altra. Stasera non era facile fare la terza partita a livelli altissimi. Lui è un giocatote che deve sentire fiducia e noi gliela stiamo dando perché se la merita. Da due anni e mezzo è impressionante il suo livello

Nel calcio le critiche si sa che ci sono. Non mi sono mai sentito in discussione. Ho sempre avuto la società dalla mia. A giugno ho fatto delle riflessioni, ma non ho voluto lasciare dopo tornati anni. Credo fortemente in questo gruppo e in questa squadra e sapevo che potevamo migliorarci ancora. Non è facile dopo una Supercoppa e una Coppa Italia ma dobbiamo puntare ad alzare l’asticella.”

Conferenza:

“Luis Alberto è due anni e mezzo che gioca con questa costanza e per noi è un valore aggiunto. Oggi era la terza partita consecutiva in 7 giorni da 90 minuti e tutte ottime prestazioni e merita sicuramente un plauso. Ma oggi sarebbe riduttivo parlare solo di lui. Tutti hanno fatto una grandissima prestazione.

Volevamo questa vittoria, ci eravamo prefissati di vincerla e abbiamo incontrato un Milan che non ho sopravvalutato. Secondo me abbiamo trovato un Milan che nel primo tempo ha fatto pressioni e qualità e dovevamo essere bravi. Sapevo che nel secondot empo i ritmi si sarebbero abbassati e avremmo potuto controllare meglio il gioco.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile a un passo da Signori

Ultimo commento: "Forza Ciro guidaci verso una conquista importante come Giorgio Chinaglia. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News