Resta in contatto

News

Pioli: “Lazio, rimpiango di non aver gestito bene il secondo anno”

Simone Inzaghi e Stefano Pioli

L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24 per presentare la sfida di domani sera contro la Lazio

Intervenuto in un’intervista a Sky Sport 24 l’allenatore del Milan, Stefano Pioli, ha parlato della sfida in programma per domani sera:

” La Lazio è una squadra molto forte. Con gli undici titolari se la possono giocare contro chiunque. Non sono solo una squadra fisica ma, sono anche molto tecnici. Ci vorrà grande sacrificio e intensità agonistica. La mia avventura a Roma non è paragonabile con la strada intrapresa al Milan. Nella Capitale ho avuto modo di lavorare fin dal ritiro, qui no. Mi auguro che questa squadra diventi bella come lo era la mia Lazio. Battere i biancocelesti aumenterebbe la nostra consapevolezza”.

Pioli a Milan TV

“Abbiamo riassaporato il gusto della vittoria, dobbiamo ripartire da questa fame che avevamo, non è sufficiente vincere solo una partita, dobbiamo sempre avere questa determinazione, questa voglia di giocare partite pallone su pallone, dobbiamo continuare a lavorare e pensare alla partita di domani sera”.

Sul Milan-Lazio:

“Deve avere la voglia di fare la partita e di affrontare una squadra forte per dimostrare che siamo in crescita e possiamo competere a questi livelli. La Lazio ha un potenziale offensivo molto importante, ma abbiamo le qualità per stare dentro la partita, per fare la gara in modo coraggioso, per provare a vincere, dall’inizio alla fine”.

Sul passato alla Lazio:

“La Lazio per me è stata una parentesi importante e positiva, soprattutto per il primo anno. Quando allenavo Simone Inzaghi era tecnico della Primavera e siamo stati a stretto contatto. In questi anni ha dimostrato di essere un ottimo allenatore, conta il presente e noi siamo concentrati ed attenti per poter fare una bella prestazione anche domani”.

Sul primo anno in biancoceleste:

“Il primo anno per gran parte della stagione la Lazio ha giocato un calcio di grande qualità e intensità. E’ stata un’annata piena di soddisfazioni con il rimpianto di non essere riusciti a vincere la finale di Coppa Italia perdendo solo ai supplementari contro una grandissima Juventus. E il rimpianto di non aver gestito benissimo il secondo anno”

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ci stava mandando in serie b

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Il primo anno ci ha fatto vedere una bella Lazio..poi si è sbragato..

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News