Resta in contatto

News

Lazio, Paradiso: “Domenica al gol di Immobile non mi sono regolato”

il cantante dei The Giornalisti

Lazio, il noto cantante di fede biancoceleste commenta l’inizio di stagione della squadra di Inzaghi, oggi impegnata col Torino

Tommaso Paradiso, cantante dalla nota fede biancoceleste, ha parlato della sua Lazio a Radiosei.

“Io credevo che quest’anno fossimo un po’ più forti. La Lazio mi piaceva e mi piace ancora sulla carta, ma il livello del campionato si è alzato e quindi stiamo facendo più fatica di quanto pensassi. Basti vedere che anche le grandi vanno a pareggiare in campi difficili. Per fortuna a Firenze abbiamo una tradizione positiva ultimamente. Io sono un ottimista di natura che con la Lazio però va sempre cauto. Ma negli ultimi 20 minuti del Franchi vedevo che a centrocampo la palla finiva sempre a noi, eravamo padroni del campo e dentro mi sentivo che potevamo vincere. Poi non mi sono regolato sull’esultanza al gol di Immobile (ride ndr). Se Milinkovic, Luis Alberto, Correa e Immobile iniziano a carburare contemporaneamente diventa tutto un altro campionato. Sono sicuro che ci sarà un momento in cui succederà nell’arco della stagione, ma per il momento mi dispiace che non riusciamo a sfruttare del tutto la grande vena realizzativa di Immobile.

Il tuo nuovo singolo si chiama “Non avere paura”…

Non avere paura? Tante canzoni che ho scritto si possono dedicare alla Lazio. Noi amiamo questa squadra e ci sta sempre l’associazione tra i biancocelesti e le canzoni d’amore”.

Sullo stadio della Lazio:

“Sarebbe un sogno, anche se il mio desiderio più grande sarebbe tornare al Flaminio. Comunque ci servirebbe un impianto da non più di 40 mila posti, si formerebbe una comunità di laziali composta da 35-40 mila amici che vanno insieme allo stadio. Senza distinzioni di età, di classe sociale. La domenica diventerebbe un momento da dedicare alla Lazio e ai propri amici laziali, una grande famiglia biancoceleste”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News