Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Svelato il retroscena sull’addio alla Nazionale di Senad Lulic.

Il Messaggero: "Lulic si riprende la sua Lazio e firma il rinnovo"

In un intervista, un noto giornalista televisivo bosniaco ha svelato il retroscena sull’addio, molto discusso in patria, di Lulic alla Nazionale.

Ok Calciomercato ha intervistato in esclusiva Haris Mrkonja, un noto giornalista bosniaco. Le qualificazioni a Euro 2020, il campionato del paese balcanico e i talenti in giro per il mondo sono stati i temi principali. Poi, in chiusura, la rivelazione di un aneddoto sull’addio di Lulic alla Nazionale, che in Italia, a quanto pare, non ha fatto notizia.

Gli è stato chiesto cosa si è detto e scritto in Bosnia sul capitano della Lazio, quando segnò il gol decisivo in finale di Coppa italia contro la Roma. Mrkonja ha risposto così:

“Credo che Lulic con quel gol abbia anche un po’ rattristato i tifosi in Bosnia, perché credo che ci siano più tifosi della Roma, che della Lazio. Scherzi a parte, ricordo anche ora le prime pagine dei quotidiani sportivi, che dipingevano Lulic come l’eroe della battaglia di Roma. È sicuramente stata una notizia che ha fatto felici molti bosniaci”.

Da lì ha poi agganciato il retroscena inaspettato.

“Riguardo Lulic, c’è un aneddoto che forse in Italia non ha fatto notizia, però in Bosnia ha fatto parlare per giorni. Nella stagione scorsa, nel marzo 2019, prima della partita tra Inter e Lazio al Meazza, Lulic chiacchierava nel tunnel con il portiere nerazzurro Samir Handanovic. Parlavano in bosniaco delle rispettive nazionali. Lulic da poco aveva detto addio alla nazionale bosniaca e descriveva le condizioni in cui si svolgevano le preparazioni, inconsapevole che il microfono della telecamera nel tunnel fosse aperto.

‘Da noi, in nazionale, è come quando vai in vacanza. Si mangiano dolci, stai con la famiglia, vai in giro…’ ha detto Lulic, aprendo la porta ad una valanga di reazioni negative dei media e i tifosi verso la federazione bosniaca, che tollerava comportamenti del genere. Poi si è venuto a sapere che Lulic si era ritirato dalla nazionale proprio per questo motivo”.

 

Leggi anche:

Repubblica: la media gol di Ciro è “irriverente”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News