Resta in contatto

News

Fiorentina – Lazio, Badelj: “Il flop alla Lazio è colpa mia”

Milan Badelj conferenza Fiorentina

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Badelj ha raccontato il suo ritorno a Firenze dopo l’anno negativo con la Lazio. Ecco alcuni estratti.

Oggi sulla Gazzetta dello Sport un intervista a Milan Badelj svela alcuni retroscenza dell’ex di giornata. Dopo l’anno negativo passato alla Lazio una stagione fa è tornato a Firenze per rigenerarsi e sembra aver ritrovato la sua dimensione.

Questi alcuni estratti delle sue dichiarazioni. A cominciare dalla storia con i biancocelesti, che non non ha funzionato.

“È stata soprattutto colpa mia. È stato tutto faticoso fin dal primo giorno. Io venivo dalla finale mondiale, era appena nato mio figlio Jona Davide e avevo fatto appena dieci giorni di vacanza. In più cambiavo città, squadra, mondo. Ho faticato”.

“Per come gioca la Lazio è più adatto Lucas Leiva del sottoscritto. È più incontrista, ha più fisicità”.

E così oggi Milan torna ad essere un rivale per gli uomini di Inzaghi. L’uomo più temibile, comunque, è sempre lo stesso:

“Milinkovic-Savic può risolvere la partita con un colpo. Correa nell’uno contro uno è micidiale. Ma se Ciro Immobile sta bene, parti sempre 1 a 0. Bisogna avere grande rispetto per la Lazio”.

Parlando della Fiorentina, c’è un uomo nuovo quest’anno che ha portato il suo carisma e la sua grande esperienza nello spogliatoio viola.

“Frank Ribery non è un leader perché dribbla tre avversari in un secondo o in mezzo metro. È un leader perché dopo aver lasciato il Bayern e otto anni di Germania è arrivato dentro lo spogliatoio e in trenta minuti era in sintonia con tutti i giocatori. Questo è essere leader”.

 

Leggi anche:

Corriere dello Sport: Inzaghi chiede fiducia

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Il tuo flop é solo colpa di inzaghi, stasera feagkielo vedere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Ma se sei un gran pippone

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile a un passo da Signori

Ultimo commento: "Forza Ciro guidaci verso una conquista importante come Giorgio Chinaglia. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News