Resta in contatto

News

Lazio, Inzaghi: “Crediamo in noi stessi! Immobile? Non può giocarle tutte”

Lazio - Atalanta, Simone Inzaghi

Appuntamento alle 13.30 in casa Lazio, con la conferenza stampa di Simone Inzaghi: leggi le dichiarazioni del tecnico biancoceleste da Formello

La Lazio è tornata ieri dalla Scozia, ma non c’è un attimo da perdere: domani sera (ore 20.45, diretta tv su Sky) sarà già tempo di sfidare la Fiorentina. Alla vigilia della partita del Franchi, Simone Inzaghi è intervenuto alle ore 13.30.

Segui su Sololalazio.it la conferenza stampa del tecnico biancoceleste dal centro sportivo di Formello.

Che momento è questo?

“Abbiamo fatto una delle migliori prestazioni, non abbiamo ottenuto risultato ma dobbiamo continuare a credere in quello che proponiamo. Non è da tutti giocare in quel modo al Celtic Park, avremmo meritato. Torniamo con zero punti con molta fatica, ma dobbiamo recuperare in fretta per la partita importantissima di domani”.

La Lazio è questa nel bene e nel male?

“No, dobbiamo continuare a credere nelle nostre forze. Dobbiamo fare in modo che partite come quelle di giovedì non capitino più”.

A Firenze determinante?

“Una gara importante contro una diretta rivale. Entrambe le squadre sono in un ottimo momento, troveremo una città intera che segue la squadra con molto entusiasmo. Dovremo essere bravi a cogliere i momenti importanti della partita”.

A Glasgow il Leiva migliore della stagione?

“Ha fatto una buona gara, come gli altri. Abbiamo lavorato bene di squadra, non parlerei dei singoli”.

La difesa sta subendo molto

“Inizialmente difendevamo bene, tutti devono aiutare. A Glasgow abbiamo commesso errori individuali, in partite del genere non puoi prendere certi gol, perché ti condizionano il morale”.

Quando non si vince non giocando bene, c’è rischio di perdere fiducia?

“Abbiamo proposto gioco, contro una squadra molto forte in un campo difficile. Il rammarico è stato non chiudere la partita”.

Perché non ha giocato Immobile in Europa?

“Bisogna fare delle valutazioni, domani sicuramente giocherà e vediamo chi farà coppia con lui. Se avesse giocato in Scozia non l’avrei avuto a Firenze, vedremo chi avrà recuperato meglio tra Correa e Caicedo”.

Le condizioni di Strakosha e Acerbi?

“Dovrò valutarli nell’allenamento del pomeriggio, qualche giocatore ha accusato un po’ di stanchezza. Speriamo non ci siano problemi muscolari. Giocando di giovedì e poi di domenica, torniamo al solito problema per cui le squadre che fanno l’Europa League sono molto penalizzate. Basterebbe anticipare di due settimane l’inizio del campionato, senza i due  turni infrasettimanali. Tutti gli sportivi sarebbe contenti e noi non avremmo problemi di affollamento”.

Possibile rivedere Luis Alberto vicino a Immobile?

“Abbiamo quest’opzione, ma due anni fa non avevamo Caicedo in queste condizioni e non c’era Correa. Luis è molto importante per noi, sta giocando nel migliore dei modi nel suo ruolo. Se all’occorrenza dovesse giocare come seconda punta, non ci sarebbero problemi”.

Come si fermano Ribery e Chiesa?

“Montella sta plasmando la squadra secondo le sue idee. Riduttivo parlare solo di Ribery e Chiesa, dovremo dare il 120% ed essere sempre squadra senza avere buchi che potrebbero costare caro”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News