Resta in contatto

News

Lazio, Diaconale: “Lotito? Ora la squadra farà la sua parte”

Diaconale attacco a Malagò: "Si parla di etica ma non capisco il filo logico"

Lazio, è arrivata ieri l’ufficialità della chiusura della Curva Nord per la prossima gara d’Europa League contro il Celtic

Arturo Diaconale, portavoce della Lazio, è intervenuto a Radio Sportiva. Tra i temi toccati, c’è quello della sentenza UEFA, che ha deciso di chiudere la Nord per la prossima gara dell’Olimpico di Europa League contro il Celtic:

“Purtroppo il comportamento di pochissimi tifosi, circa una ventina, rischia di mettere in discussione il cammino della squadra in Europa League: saremo costretti a giocare in uno stadio che non potrà contare sull’intera Curva Nord. Inoltre, se questi comportamenti proseguiranno rischiamo di giocare a porte chiuse successivamente. La linea della tolleranza zero del presidente Lotito ci ha evitato una sanzione più pesante e va seguita: le opinioni politiche sono legittime, ma non ha senso esprimerle all’interno degli stadi. Soprattuto quando si sa che c’è una attenzione particolare”.

Il commento sulle parole di Lotito

“C’è un rapporto in ogni società fra presidente, tecnico e squadra in cui il patron deve svolgere un’azione di pungolo: la sollecitazione di Lotito è legittima e non mette in discussione l’operato di Inzaghi, del ds e della squadra. Lui si attende maggiore combattività perché ha questo temperamento, e vorrebbe che fosse recepito anche dai ragazzi in campo. Siamo in corsa per la Champions, se il presidente sollecita un maggiore impegno fa il suo. Ora la squadra farà la sua parte”

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

La parte la dovrebbe fa er gestore se lasciasse la lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Se ne dicono tante se ne dicono bla bla bla bla bla

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Peccato che la società con il presidente ed il Ds in prima linea non abbiano fatto il loro dovere in fase di allestimento e rafforzamento della rosa. Ovviamente lui è il presidente e può dire ciò che vuole ma poi parlano i fatti ed il campo. Anche le caratteristiche di cui parla e che critica, mentalità e carattere, si comprano insieme al giocatore e costano care. Non si allenano ne si creano dal nulla con l’allenamento e le indicazioni tecniche! Il campione o comunque il giocatore di livello superiore ce le ha dalla nascita per questo poi eccelle tra gli… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

E come no….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Andate a casa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

1)A Diaconà queste non sono idee politiche. Il fascismo è crimine (alla pari del comunismo russo) ?‍♂️
2) Io sto aspettando che la sua parte la faccia il presidente. Non allestisce mai una squadra pienamente competitiva e convincente e a 4 giorni da una sfida già decisiva per noi, lancia sassate su giocatori e allenatore (forse pure su Tare). Ma da fine maggio ad agosto stavate a dormì in piedi come sempre?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

Lo capisci che questa è un ammissione di colpe? Una squadra che reagisce solo dopo un intervento del presidente è una squadra priva di motivazioni intrinseche del singolo individuo e del collettivo! Quindi si è lavorato male, dall’inizio …

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News