Resta in contatto

Esclusive

Lazio, Giordano Signorelli di CalcioAtalanta.it: “A Bergamo vorrei un biancoceleste”

Lazio - Atalanta, Joaquin Correa

In vista di Lazio – Atalanta, abbiamo posto 5 domande a una delle firme più esperte della squadra di Gasperini: ecco cosa ci ha spiegato

Stavolta non c’è in ballo la Coppa Italia, ma Lazio – Atalanta di sabato assomiglia molto a una finale. Almeno per i biancocelesti, con quei cinque punti di distacco dalla Dea che non consentono passi falsi.

L’Olimpico è pronto a ospitare uno scontro Champions dal grandissimo fascino: per i bergamaschi, l’obiettivo è anche quello di “vendicare” la sconfitta dello scorso 15 maggio che ha consegnato il trofeo alla squadra di Inzaghi. Per entrare ancora di più nel clima partita, abbiamo posto 5 domande a Giordano Signorelli: collaboratore di Tuttosport e BergamoPost e firma di CalcioAtalanta.it, il portale del nostro network #TifosiInRete.

1 – Ti saresti aspettato una classifica migliore per la Lazio o la consideri comunque una rivale pericolosa per la Champions?

Sinceramente siamo ancora all’inizio, non è ancora il momento per tracciare bilanci. Forse la Lazio ha raccolto meno di quanto si aspettasse, ma con una serie positiva può riagganciare il treno del terzo posto. La inserisco ancora nelle pretendenti.

2- Nell’ambiente atalantino, quanta voglia di riscatto si respira per il ko nella finale di Coppa Italia?

Ce n’è molta, anche perché sono state mal digerite le modalità con cui è avvenuta. Mi aspetto un’Atalanta aggressiva e che provi a espugnare l’Olimpico, dopo averlo già fatto contro la Roma.

3 – Da cosa nascono le difficoltà che l’Atalanta ha incontrato finora in Champions?

Difficile dirlo, sicuramente un po’ di emozione potrebbe aver tradito qualche elemento oppure potrebbe essere capitata la classica giornata storta. Certo, ciò ha compromesso il discorso qualificazione e ora servirà un vero e proprio miracolo.

4 – Il giocatore della Lazio che vorresti nell’Atalanta?

La Lazio è una squadra composta da tanti buoni giocatori… Se proprio devo fare un nome, dico Acerbi. In attacco e in mezzo al campo l’Atalanta è ben assortita per quantità e qualità, mentre forse manca qualcosa in difesa.

5 – Per chiudere, ti chiediamo la probabile formazione che ha in mente Gasperini

Mi aspetto il classico 3-4-1-2 con Gollini fra i pali, Toloi, Kjear e Palomino in difesa, Hateboer e Gosens sulle corsie laterali con de Roon e uno fra Freuler e Pasalic in mezzo al campo, Gomez trequartista e Ilicic e Muriel in attacco.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Esclusive