Resta in contatto

News

Lazio, l’Uefa chiude la Nord contro il Celtic: la risposta del club

S.S. Lazio, la storia. Dopo l'inaugurazione dello store arriva il libro

La sanzione per i saluti romani in Lazio – Rennes: chiusura della Nord, multa e un turno con la condizionale a porte chiuse. La società annuncia ricorso

La Lazio incassa la sentenza Uefa sui “comportamenti razzisti” (così li ha definiti il massimo organismo calcistico europeo) in occasione della sfida di Europa League con il Rennes. La sanzione (in attesa del comunicato ufficiale) prevede la chiusura della Curva Nord per un turno: interessati i settori 46-47-48-49 (esclusi quindi i distinti).

Il provvedimento sarà scontato il 7 novembre, quando all’Olimpico arriveranno il Celtic e oltre 9000 tifosi scozzesi. L’Uefa ha inoltre inflitto al club biancoceleste una multa di 20mila euro e una partita a porte chiuse, pena sospesa però con la condizionale: scatterebbe in caso di recidiva nell’arco di un anno.

La replica della Lazio

Il club di Lotito ha commentato così la decisione, anticipando di fatto la nota ufficiale dell’Uefa:

“Le decisioni della Control, Ethics and Disciplinary Body della UEFA in riferimento ai comportamenti tenuti da alcuni tifosi nel corso dell’incontro tra S.S. Lazio e Stade Rennais F.C. costituiscono una pesante penalizzazione che sembra aver tenuto conto della netta condanna espressa prontamente dalla società biancoceleste nei confronti degli odiosi atti razzisti compiuti da pochi irresponsabili.

La sentenza, al tempo stesso, conferma la ferma volontà della S.S. Lazio di proseguire sulla linea della tolleranza zero stabilita dal Presidente Claudio Lotito.

La società, inoltre, ribadisce la propria intenzione di perseguire penalmente e civilmente i responsabili di manifestazioni inaccettabili che provocano non solo gravissimi danni all’immagine e al patrimonio della Lazio ma che penalizzano pesantemente la stragrande maggioranza di una tifoseria da sempre estranea e contraria alle intemperanze razziste di una sparuta minoranza. La S.S. Lazio, comunque, sulla base di risultanze in corso di reperimento,  si riserva di presentare ricorso alle decisioni UEFA per ridurre penalizzazioni che si scaricano in gran parte sui tifosi più responsabili e virtuosi”.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Sempre avanti Lazio! ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

bene cosi…..non se ne può più la politica lasciatela a casa allo stadio andate solo per tifare

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

E PER I SALUTI DEI CALCIATORI TURCHI NIENTE ??? SIETE DEI CACASOTTO IMPUNITI !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Quando la smetteranno sarà sempre troppo tardi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Ancora sto aspettando il DASPO a vita promesso da Lotito… ??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

E i turchi?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Accontentati gli sbruffoncelli dal braccio alzato.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Giusto così. Allo stadio si va per tifare. Per esprimere le idee politiche ci sono altri spazi (oddio qui siamo nel campo delle schifezze ed il luogo più adatto sarebbereo le fogne).

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Poi quelli della curva ci chiedono perché non andiamo allo stadio? Io solo per un motivo…ho smesso quando i fascisti hanno preso il sopravvento su tutti quei tifosi come me che andavano solo per tifare e non per fare politica…hanno chiuso la curva per colpa loro…state bene così

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Tifoseria di razzisti. Giusto cosi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

mo stamo mejo der……..!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Bravi bravi continuate con i saluti romani,alla prossima ci cacciano direttamente dalla coppa

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News