Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Laziali, subito dopo l’Atalanta… la Pallanuoto vi aspetta gratis al Foro!

Lazio Pallanuoto, capitan Colosimo

Prima il calcio, con lo scontro diretto dell’Olimpico, poi la pallanuoto: sabato alle 18, all’uscita dallo stadio, potrete entrare gratis al Foro Italico – di Giorgio Bicocchi

È il sogno di tanti Laziali: andare a sostenere la squadra di Inzaghi e poi spostarsi – percorrendo pochi passi – al Foro Italico per tifare per la nostra
Lazio pallanuoto. Bene, sabato prossimo, 19 ottobre, questo sogno si potrà materializzare.

All’uscita dall’Olimpico – per tutti coloro che volessero completare un pomeriggio all’insegna della Lazialità, magari rinfrancati da un buon risultato
colto da Immobile & co. – ecco Lazio-Rari Nantes Salerno al Foro Italico. La gara, valida per il secondo turno del campionato di A1, inizierà alle ore 18
(ingresso gratuito).

C’è tutto il tempo di arrivare al Foro Italico, sistemandosi sulle tribune con una bandiera in mano, tifando a squarciagola per le Aquile di Sebastianutti, attese da uno scontro-diretto di vitale importanza, pur essendo solo alla seconda giornata.

Sfruttare l’effetto Foro

La Lazio Nuoto, all’esordio in Campionato, è caduta in piedi a Trieste, in vantaggio alla fine del terzo tempo, fiaccata poi da scarse rotazioni per via di una panchina corta. Evidente che i biancocelesti dovranno cercare di sfruttare l’effetto Foro al cospetto di una neopromossa in A1, pure rinforzata dal mercato estivo. In quattro giorni la Lazio Nuoto sarà chiamata a schivare due insidie: prima contro Salerno, poi, mercoledì 23 – infrasettimanale – a Casoria contro la Canottieri Napoli, altra formazione accreditata di un torneo in salita.

Ecco perché battere Salerno, mettersi in tasca i primi tre punti e iniziare a sorridere, potrebbe dare linfa e vigore alla nostra squadra. Magari capitalizzando pure il sostegno di quei Laziali – speriamo tanti – che giungeranno dal vicino Olimpico.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Storie di Polisportiva