Resta in contatto

News

Felipe Anderson ricorda la Lazio: “In Italia ho imparato tanto”

Al sito ufficiale del West Ham United l’ex Lazio Felipe Anderson ha rilasciato una lunga intervista in cui ha ricordato anche i suoi trascorsi in Italia.

Felipe Anderson, per tutti Felipetto, è arrivato alla Lazio poco più che ragazzino e se ne è andato da uomo. È maturato all’ombra del Colosseo per 5 stagioni, sia umanamente, sia professionalmente. E ha lasciato un buon ricordo di sé nella mente dei tifosi. Di questo e molto altro ha parlato in una lunga intervista al sito ufficiale del West Ham United.

In particolare, dei suoi anni a Roma con l’aquila sul petto ha detto che sono stati fondamentali per la sua crescita:

“In Italia ho imparato molto sotto l’aspetto tattico e questo mi ha aiutato. È tosto l’impatto con Inghilterra, perché nelle squadre c’è tanta qualità e ottimi giocatori, ma proprio quello che ho imparato in 5 anni in Italia mi ha aiutato tantissimo arrivando in un un nuovo paese. Penso che se fossi arrivato direttamente qui dal Brasile, avrei avuto molta più difficoltà e ci sarebbe voluto un sacco di tempo per adattarmi. Il ritmo qui è veramente intenso. In Brasile invece è decisamente lento. E in Italia c’è la giusta via di mezzo, è stato ottimo per me passare prima da lì e poi venire qui”.

Dal 2013 al 2018, ricorda l’intervistatore, con la Lazio ha giocato 3 finali, vincendo la Supercoppa nel 2017. Grazie ai biancocelesti ha conquistato la maglia del Brasile che ha vinto le l’oro nel calcio alle Olimpiadi del 2016. Avrebbe potuto lasciare Roma un anno prima. Su di lui c’era l’interesse di Chelsea e Manchester United. Ma era rimasto in parola con la dirigenza e fu leale con i biancocelesti contribuendo anche a portare la squadra ai quarti di finale di Europa League, prima di salutare definitivamente.

 

Leggi anche:

Luis Alberto a La Gazzetta dello Sport: “Champions, inutile nascondersi. Rinnovo? Ora no”

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News