Resta in contatto

News

Immobile: “Italia, voglio giocare all’Olimpico! Lazio? Serve continuità”

Una formazione nel segno della Lazio: parola di WhoScored

Immobile ha parlato in conferenza stampa a Coverciano, a 4 giorni dalla gara contro la Grecia allo Stadio Olimpico

La conferenza stampa di Ciro Immobile, che ha parlato davanti ai giornalisti a Coverciano, nel secondo giorno di ritiro. L’Italia arriverà a Roma giovedì e sabato scenderà in campo all’Olimpico contro la Grecia (ore 20.45).

L’alternanza con Belotti?

“L’alternanza fa comodo, la concorrenza fa bene a tutti.  Ha detto bene il mister, il dualismo è giusto in ogni ruolo. Siamo concentrati. Ci sarà spazio per tutti, non importa se giochiamo una gara io o una gara lui oppure uno le gioca entrambe: l’importante è che l’Italia vinca”.

Che idea vi siete fatti della maglia verde dell’Italia?

“E’ particolare, il nostro colore è l’azzurro ma questa è una terza maglia. Saremo orgogliosi di indossarla come in passato col verde, col bianco. Speriamo di raggiungere lo stesso risultato del ’54 con l’Italia che vinse 2-0 con l’Argentina”.

A che livello si sente?

“Sono orgoglioso quando mi accostano ai grandi come Aguero o Lewandowski. Ho sempre lavorato per raggiungere questi livelli, purtroppo sono mancato nelle situazioni che potevano farmi fare un salto in più. Con l’Italia ho un debito, spero di saldarlo e di fare qualcosa di importante sia sabato all’Olimpico che, soprattutto, all’Europeo”.

Quanto varrebbe per lei un gol a Roma?

“Sarà bello, emozionante. È la prima volta, nell’amichevole con l’Argentina era infortunato: conosco i romani, ci daranno una grossa mano. Vorrei giocare entrambe le gare, anche con il Liechtenstein, ma è chiaro che giocando all’Olimpico vorrei mettere in difficoltà il mister per giocare nel mio stadio”.

Cosa le manca per il salto?

“È quel passettino che mi manca: in A faccio gol da tanti anni, sono stato capocannoniere in Europa League con la Lazio ma voglio fare qualche record anche in Nazionale”.

Lei, Belotti e… come vivete l’ombra di Balotelli che potrebbe farvi fuori all’Europeo?

“Ora siamo io e il Gallo, poi non si sa. Da qui manca troppo tempo, tutti hanno la possibilità di vestire la maglia dell’Italia. Parliamo di quello che stiamo vivendo adesso, per questo il ballottaggio è tra me e Belotti. Se ci sarà un altro come Mario o altri che potranno dire la loro, saremo in ballottaggio in tre, quattro, cinque, vedremo”.

Sente che può essere l’anno giusto per la Lazio?

“Siamo partiti a rilento, ci manca continuità, il passo che ci possa far stare con le grandi. E’ il campionato più difficile degli ultimi anni, non ci sono più squadre materasso, partite facili. Tutte vogliono dire la loro e lo stanno facendo bene: sono tre anni che lottiamo per la Champions e non la raggiungiamo, al di là della vittoria in Coppa Italia serve far meglio in campionato”.

Sulla reazione a Inzaghi dopo il cambio contro il Parma:

“Mi fa piacere che se ne parli ancora: significa che il mio comportamento in questi anni vi fa sembrare tutto strano. Per questo non c’è una spiegazione: avevo segnato, mi sentivo bene, ho sbagliato e non ho scuse. E’ una cosa che non si fa, è sbagliata. Non sbaglierò più, anzi, mi metto d’accordo col mister, magari lo rifacciamo, visto che da allora ho fatto quattro gol in una settimana…”

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ciro, ti vogliamo all’Olimpico! ????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ciro Immobile ⚪???

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News