Resta in contatto

News

Caicedo, che battibecco con il presidente della Federcalcio dell’Ecuador

Dott. Rodia su Caicedo: "Ha subito un bel trauma ma non è lussativo"

Felipe Caicedo risponde al numero uno della Federazione ecuadoriana, che aveva commentato le parole del Panterone sulle porte chiuse alla nazionale

Polemica a distanza tra Felipe Caicedo e Francisco Egas, il presidente della Federcalcio dell’Ecuador.

L’attaccante della Lazio, nella conferenza alla vigilia della partita con il Rennes, aveva ribadito come la Nazionale fosse per lui un capitolo ormai chiuso.

In patria, il numero uno della Federazione del Paese sudamericano ha replicato così:

“Chi non vuole stare nella Selección, non ci starà più. Giocheremo con chi vuole esserci ed è disposto a dare la vita per questa maglia”.

Dichiarazioni nette, che hanno trovato la contro risposta di Caicedo via Twitter:

“Invece di parlare di me, potresti parlare del fatto che punti il dito contro alcuni giocatori e contro altri no, perché lo fai solo con alcuni? Proprio tu mi dai lezioni? Tu dai la vita per i tuoi giocatori? Signor presidente, ho dato la vita per la maglia della nazionale per 15 anni e tu non mi dai lezioni”.

 

Le pagelle del nostro direttore:

Lazio – Rennes, Cardopagelle: Sergej è tutto, Vavro ancora una riserva

 

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Bravo in che lingua ? Spero Italiana !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

bravo panterone mena a tutti fatte rispettà

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Bravo! Felipe??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Bravo Panterun
Noi di C.T. che soffrono di mal di pancia con i giocatori della Lazio ce ne intendiamo da Sacchi con Signori a Maldini con Casiraghi che negli spareggi segnò il gol qualificazione e poi non fu convocato per Francia 98

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

mena….menaaaaa…..mena forte panterone SFL

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile aggancia Piola. Anzi no…! Ecco quanto manca

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News