Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio non cambiare: l’essere propositivi paga sempre

Lazio - Parma, Immobile, Correa e Lulic

Lazio prima per tiri effettuati: l’Atalanta seconda a 73. Inzaghi deve continuare a proporre calcio, solo così si arriverà al traguardo

Il tifoso della Lazio è scosso dopo la sconfitta di San Siro. Non tanto per l’1-0 rimediato per mano dell’Inter, capolista a punteggio pieno, quanto per la settimana appena trascorsa segnata dal doppio 1-2 contro Spal e Cluj. No, non sono ancora andati giù i ko consecutivi. Ed è anche normale, sarebbe strano il contrario, perché la Lazio avrebbe dovuto vincerle entrambe. Sul banco degli imputati sono finiti tutti: da Inzaghi per le sue scelte a Strakosha per alcuni errori, passando per Correa, Milinkovic, Jony e anche Immobile. Sono finiti tutti nell’occhio del ciclone della critica biancoceleste, che come sempre accade tende a esagerare. “Prima eravamo fenomeni, poi dei polli“. Aveva chiesto equilibrio Simone Inzaghi, ben consapevole che nella Città Eterna non si avrà mai. L’analisi da fare alla luce delle ultime prestazione è ampia e profonda, ci sarebbero da mettere a fuoco vari aspetti, ma c’è un dato oggettivo e palpabile che riguarda la mole di occasioni create a partita.

I numeri della Lazio

Contro l’Inter ha calciato 10 volte, di cui 4 dentro lo specchio di Handanovic (una, andata fuori, quella clamorosa di Correa con il pallonetto). Il dato di expected gol ( conclusioni fatte da una squadra, alle quali viene poi assegnata una probabilità di fare gol) è stato di 1.41 contro l’1.33 dei i nerazzurri. Andando a ritroso, lo scenario non cambia. A Cluj la Lazio ha tirato 13 volte (contro le 8 dei rumeni) e 5 in porta, mentre a Ferrara (sconfitta per 2-1) ha battuto verso la porta con più precisione rispetto agli avversari. Schiacciante anche il report sul derby contro la Roma: 23 cross a 10 per i biancocelesti, che hanno calciato il doppio delle volte dei rivali cittadini (22 a 13), con 7 tiri nello specchio a 3. In totale, con 75, è prima nella speciale classifica dei tentativi (seconda l’Atalanta a 73), ma nona per centri all’attivo.

La strada giusta

Non si vuole dire che va tutto bene, perché ci sono i limiti e sono anche evidenti. Bisogna risolvere i problemi al più presto se si vuole centrare la Champions, da anni l’obiettivo sognato a Formello. Ma al tempo stesso non bisogna pensare che sia tutto negativo e tragico: un conto sarebbe stato se la Lazio non avesse mai creato occasioni, un altro invece se ogni partita ne costruisce almeno 3-4 nitide. L’eccesso di pessimismo non aiuta l’ambiente, che invece deve essere consapevole di aver intrapreso da tempo la strada giusta. Tornare indietro, dopo tre anni e mezzo, non sarebbe una buona idea. L’idea di provare sempre a imporre il proprio calcio, indipendentemente dall’avversario, alla lunga porterà i suoi benefici. Purché, chiaramente, il gruppo biancoceleste lavori giorno dopo giorno per migliorare i propri difetti, come la precisione e la freddezza sotto porta. Per dar vita a una combo per far tornare l’Aquila a gonfiare le reti avversarie senza soluzione di continuità.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Propositivi o non LA DOVETE BUTTA’ DENTRO PUNTO ???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Penso che la Lazio è sempre la Lazio !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

D’accordo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Infatti ho visto,non cambiando..sti grandi risultati!

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe Signori, per me 'Ronaldo bianco', è stato uno dei più grandi giocatori biancocelesti della storia; L'unica sfortuna di questo ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Tutto giusto cara Rita.... Anni IRRIPETIBILI e squadra INARRIVABILE"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Grande, antiromanista, unico"

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Approfondimenti