Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Buccioni: “Un onore rappresentare le società italiane alla Festa dello Sport”

Il presidente della Polisportiva Lazio, Antonio Buccioni è intervenuto alla conferenza di presentazione della European week of Sport.

È stata presentata ieri presso la sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri la European week of Sport 2019. Illustrati in conferenza stampa scopi, finalità e iniziative in programma. Alla presentazione ha partecipato anche il presidente della Polisportiva Lazio, Antonio Buccioni, nominato per l’occasione rappresentante delle società sportive italiane.

Nel suo intervento ha parlato dell’importanza della Festa dello Sport per Tutti, in programma il 28 settembre a Villa Glori, presso la sede della Lazio Equitazione. Si è detto onorato del ruolo e ha sottolineato come il messaggio della Settimana Europea dello Sport collimi con i valori ispiratori della polisportiva biancoceleste.

“E’ un onore poter rappresentare tutte le società sportive italiane in una sede istituzionale così importante sul piano nazionale e dell’Unione europea. Cercheremo di essere all’altezza della fiducia che ci è stata accordata”.

“La Lazio nasce dall’iniziativa e dalla semina di ragazzi. Oggi, quasi 120 anni dopo quel 9 gennaio del 1900, esprime una realtà alla quale fanno capo oltre 70 organizzazioni, tra cui la famosissima sezione calcio. In realtà la Lazio, attraverso queste organizzazioni, pratica lo sport dall’alta quota, con gli atleti del paracadutismo, agli abissi più profondi, con la subacquea”.

“Insomma, la Lazio pratica sport ovunque sia possibile, intorno all’ideale olimpico e all’amore per quei colori che coincidono con quelli del cielo, e intorno al simbolo, l’aquila, della Roma imperiale. Il motto è quello di Sallustio: Concordia parvae res crescunt (nell’armonia anche le piccole cose crescono, ndr). Al contrario: Discordia maximae dilabuntur (con la discordia le più grandi svaniscono, ndr). Un inno al buon senso. Siamo una famiglia di 10mila persone documentate e un movimento in continua crescita”.

 

Leggi anche:

Lazio Women, domani l’esordio al Fersini contro la Fortitudo Mozzecane

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Storie di Polisportiva