Resta in contatto

Approfondimenti

Spal – Lazio, Cardopagelle: Luis annebbiato e Ciro in apnea, Vavro misterioso

Corriere di Roma: "La società minimizza il caso Immobile"

Spal – Lazio lascia ai biancocelesti l’amaro di una sconfitta deludente: i voti e i giudizi ai giocatori e a Simone Inzaghi dopo il 2-1 di Ferrara

Ecco le mia pagelle di Spal – Lazio.

Strakosha 5.5

Uno con la sua reattività, poteva fare qualcosa di più sul primo gol. Forse.

Patric 5

Inzaghi lo sceglie soprattutto per spingere, ma un difensore deve soprattutto saper difendere. E lui in questo dimostra i soliti limiti, compresa un’ammonizione per un fallo inutile su Di Francesco a centrocampo. Era un’occasione clamorosa per lo spagnolo, l’ha sprecata.

Vavro 4.5

Entra al 3′ della ripresa e deve marcare Petagna sul calcio d’angolo decisivo. E invece indovinate chi segna? Petagna. Lo slovacco resta un oggetto misterioso.

Acerbi 5

Molto nervoso, il Leone non riesce a organizzare la difesa quando la Spal prende coraggio. Anche lui fermo in occasione dei due gol.

Radu 5.5

Gambe bloccate nella ripresa, come molti suoi compagni. Il mestiere lo aiuta in qualche occasione, ma non basta quando la Spal prende campo e diventa pericolosa.

Lazzari 5

Spinge benino nel primo tempo, quando crea una palla-gol per Caicedo. Nella ripresa scompare. Normale concedergli l’attenuante dell’emozione davanti ai suoi ex tifosi. Però resta una delle delusioni della giornata, tanto più che dalla sua parte Strefezza ha dato la svolta alla partita.

Parolo 5.5

Deve tappare falle create da altri. Combatte sempre, si fa vedere al tiro, nella ripresa naufraga con gli altri.

Leiva 6

Quando Inzaghi lo sostituisce, la Lazio perde definitivamente la bussola. Primo tempo da professore, fatica nella ripresa. Ma è il meno colpevole.

Milinkovic 5

Entra al 23′ del secondo tempo e non combina nulla. Diciamo che la panchina lo ha stordito: è uno che deve giocare dall’inizio, sempre.

Luis Alberto 5

Nel primo tempo si diverte ma fallisce due palle-gol che gridano vendetta. Esteticamente pregevole come sempre, però la concretezza e la voglia di lottare sono altre cose. Se Immobile nell’intervallo si lamenta dei troppi errori nell’ultimo passaggio, è soprattutto per i demeriti del Toque annebbiato. E nella ripresa sbaglia tutto.

Lulic 5.5

Il buon primo tempo non lo salva dal voto negativo. Ingolfato, doveva essere sostituito ma Inzaghi aveva finito i cambi perché aveva dato l’ennesima occasione a Patric.

Caicedo 6

Colpisce il palo, si procura il rigore, duetta con Immobile, non sfrutta una palla-gol comunque non semplice. Per me sufficiente, considerando anche che era al debutto stagionale.

Correa 5

Entra anche lui al 23′ st e anche lui, come Milinkovic, si fa notare solo per gli errori. Abbiamo capito perché Inzaghi non lo ha schierato titolare, stavolta: fuso dai viaggi, forse.

Immobile 6-

Freddissimo sul rigore, poi dialoga con Caicedo ma non trova tempo e spazio per raddoppiare. Secondo tempo in apnea, perfino molle.

Inzaghi 4.5

La squadra messa inizialmente in campo ha comunque creato tanto, non è colpa sua se si sbagliano così tanti gol. Ma nella ripresa sbaglia a non lasciare in campo Leiva, servivano i palleggiatori (e subito, non dal 23′) per frenare il nuovo impeto della Spal. Soprattutto, c’è da interrogarsi sul secondo tempo imbarazzante, con testa e gambe bloccate.

 

Entra nel muro del Tifoso e lascia il tuo commento su Spal – Lazio:

Spal – Lazio, esprimi la tua opinione sulla sconfitta di Ferrara

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Invece Vavro non è stato peggio degli altri, anzi ha un piede educato. Non ha sbagliato un passaggio anche a lunga gittata. Penso che diventerà un ottimo difensore.

Stefano
Stefano
1 anno fa

La chiave della sconfitta è tutta lì, nella sostituzione di Leiva. Voglio pensare che il nostro playmaker argentino non stesse al meglio delle condizioni. Partita buttata nel cesso.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

se lo fa giocare a spizzichi che mistero

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per me non ci hanno messo il cuore ??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vavro è la brutta copia de wallace???????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

È la solita canzone da due soldi………… Tutti gli anni è così, mettiamoci l’anima in pace, altro che quarto posto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vavro e’ agile come un lottatore di Sumo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Per fortuna era l’ultima del campionato, ci rifaremo l’anno prossimo se Lotito spende.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Penosi sembravate una squadra a fine campionato !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Tutti 2 …Tutti somari…è le palle che gli mancano

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Immobile (mi dispiace e non poco) 4,5 ha sbagliato tutti i passaggi. Lulic 4, un giocatore finito, che sta diventando controproducente per questo modulo. Perchè si è preso Jony? Non era meglio uno alla Romulo? Pronto all’uso che ti avrebbe permesso di panchinare il bosniaco senza patemi? E poi Vavro è un 3. Giocatore aberrante. Talamonti in confronto a lui era Nesta. Acquisto senza senso. Inzaghi, voto 3. Dopo 3-4 anni non riesce a capire “queste” partite e con lo stesso gruppo commette i soliti errori. Per me che l’ho sempre difeso, inizia a stufare e per quello che ha… Leggi il resto »

Ezio Impellizzeri
1 anno fa

Ridicoli, come un anno fa, indifendibili e altro che 4 posto, stessi errori e scarsa concentrazione, madre di un mercato insufficiente, prevedo altre sconfitte a partire della 5 giornata quando si andrà a giocare a Milano con l’Inter.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti