Resta in contatto

News

Patrizia Panico a LSR: “Il vero campionato inizierà dalla terza giornata”

L’ex calciatrice della Lazio Femminile Patrizia Panico alla radio ufficiale biancoceleste ha parlato dell’avvio di stagione. Ecco le sue impressioni.

Patrizia Panico, ex stella della Lazio Femminile, con 223 gol segnati in 280 presenze, è stata intervistata oggi da Lazio Style Radio 89.3. L’attuale ct della selezione Under 15 maschile della nazionale italiana ha parlato dell’avvio di stagione e dato la sua opinione sull’inizio dei biancocelesti.

Non c’è da fidarsi troppo del calcio d’agosto, ma i segnali dagli uomini di Inzaghi sono buoni. È soprattutto il gruppo che fa la differenza.

“Il calcio d’agosto è sempre  particolare, ma la Lazio ormai si conosce a memoria. Il vero campionato inizierà dalla terza giornata. Roma e Milan hanno cambiato tanto, la conoscenza della squadra e del gruppo da parte degli allenatori nuovi, richiede del tempo. I biancocelesti non hanno questo problema”.

Il gioco della Lazio

Sulla qualità di gioco espressa l’ex calciatrice non ha dubbi: il livello si è alzato anche grazie a Lazzari. E dà anche un suggerimento su cosa sfruttare meglio in campo:

“Lazzari si è integrato benissimo. Garantisce maggior peso offensivo sulla fascia destra, però gli manca ancora del cinismo sotto porta. C’è continuità rispetto alla passata stagione da parte della squadra. La Lazio può usufruire di diverse opzioni in attacco: aggirare le difese avversarie sulle corsie esterne o cercare il fraseggio centrale. E proprio questa, secondo me, è una via che dovrebbe sfruttare più spesso per sfruttare meglio le caratteristiche di Immobile”.

Inoltre ci sono sempre le giocate di Luis Alberto da tener presente.

“Ormai a centrocampo siamo abituati a vedere molti giocatori fare le due fasi. Luis alberto invece è poco presente in interdizione, ma ha numeri importantissimi in attacco. Offre palloni continuamente, rischiando, forse anche troppo spesso, la grande giocata. Anche questa però è un’opzione in più per arrivare in porta”.

Le prime due giornate

Dalle prime due uscite stagionali Panico ha notato il gran ritmo tenuto dagli uomini di Inzaghi. Ma guai ad accontentarsi.

“La Lazio ha lavorato molto in estate sul pressing offensivo. Farlo richiede un grande sforzo fisico e forse non riuscirà a mantenere questo ritmo tutta la stagione. Per ora comunque i segnali sono segnali incoraggianti. I biancocelesti stanno esprimendo il gioco che vuole Inzaghi a prescindere dall’avversario o dalla competizione. La mano dell’allenatore in questo è ben riconoscibile”.

“Nel derby è mancata la precisione. Le tante palle gol create però fatto capire che la strada è quella giusta. Il mister può essere soddisfatto, ma senza però doversi accontentare”.

 

Leggi anche:

Spal – Lazio, da martedì i biglietti per la trasferta

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sempre e solo forza lazio ale

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News