Resta in contatto

News

Lazio-Roma, Acerbi a Lazio Style Radio: “Consapevoli della nostra forza”

Lazio - Roma, Acerbi e Guida

Al termine della sfida contro la Roma il “Leone” Francesco Acerbi è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio: “Credo poco alla sfortuna”

Ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 è intervenuto il “Leone” Francesco Acerbi al termine della sfida contro la Roma.

Queste le sue dichiarazioni:

“Alla sfortuna ci credo poco, sui pali si sulle altre occasioni no. Sapevamo che avevano grandi giocatori. Peccato, il derby è sempre il derby. Poteva andare anche peggio, cerchi di far gol poi magari te lo fanno in contropiede”.

Consapevolezza della propria forza

“Eravamo consapevoli della nostra forza. Un po’ di tensione per la partita c’era, loro hanno cambiato allenatore, Dzeko è un attaccante fortissimo. Eravamo molto attenti perchè potevamo fare bella figura ma anche brutta. Almeno un gol lo abbiamo fatto”.

Messaggio per l’amico Chiellini

“Appena saputo della notizia di Chiellini gli ho mandato un messaggio. E’ un esempio per me,  gli ho mandato un grande in bocca al lupo”.

Sulla chiamata in Nazionale

“Mi chiama o non mi chiama l’obiettivo è fare bene qua. Se non mi chiama non posso imbucarmi a Coverciano. Posso sempre migliorarmi poi lui fa la sua scelta”.

Sulla sistemazione in campo

“Abbiamo deciso di tenere 10-15 metri il baricentro più alto così con la qualità che abbiamo possiamo far male come è successo oggi. Correre all’indietro fa più fatica in avanti di meno. Bisogna migliorare su alcuni aspetti”.

Giudizio su Fonseca

“Fonseca non lo conosco, è molto offensivo a me piace però sono passate due giornate non si può giudicare”.

 

Leggi anche:

Lazio – Roma, Lazzari: “Il derby è uno spettacolo calcistico”

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mito che purtroppo ho vissuto troppo poco,avevo appena 9 anni,allo stadio non mi portava nessuno,anche se le partite si vedevano poco bene e i..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News