Resta in contatto

News

Funerali Diabolik, le esequie di Fabrizio Piscitelli al Divino Amore

Funerali Diabolik, continua la trattativa in Questura

Sono cominciati alle 15 i funerali di Diabolik: il feretro è arrivato al Divino Amore alle 14, poi l’inizio delle esequie. Lo striscione degli Irriducibili

L’arrivo del feretro poco dopo le 14, un’ora dopo l’inizio delle esequie: al Divino Amore è il giorno dei funerali di Diabolik. La salma di Fabrizio Piscitelli è stata accolta dai saluti e dagli applausi dei tifosi e degli amici presenti nel piazzale del santuario romano: “Battiamo le mani ai veri laziali”, il coro intonato.

Gli Irriducibili hanno esposto questo striscione: “Uno che per come lo conosco io, andrebbe solo e a piedi al funerale suo”, verso della canzone “Fenomeno” di Franco Califano. E poi la bandiera con gli occhi e la scritta di Diabolik, il personaggio dei fumetti a cui è legato il soprannome dello storico leader degli ultras biancocelesti. Simbolo riprodotto anche sulla bara, insieme alla scritta “Irriducibili” e alla frase “Gli sciacalli possono pure banchettare sul cadavere di un leone, ma lui resta un leone e loro restano sciacalli”.

Presenti alla cerimonia le 100 persone indicate dalla famiglia, come previsto dall’accordo con la questura di Roma. Nel piazzale è stato allestito anche un banchetto per la raccolta fondi in favore della Lega italiana fibrosi cistica Lazio.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

?

Kira
Kira
11 mesi fa

Fabrizio ..ultimo baluardo della Lazialita…. bene on viaggio…. solo lacrime ti hanno perseguitato da vivo….e pure da morto….vili

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

100 persone….
300 forze dell’ordine?!?!
R.i.p. Fabri

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News