Resta in contatto

Approfondimenti

Reintegri, cessioni e rinnovi: gli scenari di mercato per la Lazio

Lazio, squadra con Olympia

Dopo aver piazzato quattro colpi, gli scenari di mercato della Lazio ruotano intorno alle cessioni degli esuberi, ai reintegri in rosa e ai rinnovi.

Adekanye, Vavro e Lazzari già in ritiro. Jony li raggiungerà a breve. Quattro colpi messi subito a segno dalla Lazio. Interventi mirati, richiesti anche da Inzaghi, nei ruoli più critici della rosa. Ma da ora fino al 2 settembre come proseguirà il mercato biancoceleste? Ecco alcuni possibili scenari, che vanno dai reintegri, alle cessioni degli esuberi, passando per alcuni rinnovi.

Difesa

Appurato che il modulo molto probabilmente rimarrà impostato sui 3 centrali, con l’arrivo di Vavro il reparto è numericamente a posto. Se poi, come sembra, la questione Radu si dovesse risolvere con il suo reintegro, i difensori a disposizione di Inzaghi sarebbero addirittura 7. I due citati si aggiungono a Luiz Felipe, Acerbi, Bastos e Wallace, con il baby Armini, prossimo al rinnovo, che verrà quasi certamente aggregato al gruppo in diverse occasioni. Difficile quindi pensare ad un ulteriore innesto senza prima una cessione.

In quest’ottica, il maggior indiziato per salutare sembrava proprio il brasiliano Wallace. Ma le trattative per un suo ritorno in patria si sono un po’ raffreddate nelle ultime settimane. Se si riaprissero piste in questo senso e si concretizzasse l’addio allora la società potrebbe pensare di ritornare sul mercato. Oppure potrebbe anche decidere di rimanere così, tenendo lo stesso Armini come sesto del reparto.

Centrocampo e esterni

Alla luce dei rientri dai prestiti, dei flop della passata stagione e dei nuovi arrivi, il reparto più affollato è senza dubbio il centrocampo. Compresi i cosiddetti “quinti”. A Lulic, Marusic, Patric, Lukaku e Durmisi si vanno ad aggiungere Lazzari e Jony. Tre o quattro elementi per ogni fascia. È vero che il capitano può, all’occorrenza, essere impiegato come mezz’ala e che Patric è stato a volte adattato anche come difensore, ma questo non risolve la sovrabbondanza.

Per almeno due esterni dei sette in lista si dovrà trovare un’altra sistemazione altrove. Su Durmisi ci sono state voci dalla francia. Nulla di concreto. Patric si sta giocando le proprie carte ad Auronzo, mentre per Lukaku la situazione è legata alle condizioni fisiche in cui sarà quando tornerà a disposizione.

Per i tre ruoli mediani la lista è lunga. Leiva, Parolo, Cataldi, Luis Alberto, Milinkovic, Badelj, Berisha, Di Gennaro, Minala e Andrè Anderson sono decisamente parecchi.

Bisognerà necessariamente sfoltire la lista. A prescindere da possibili innesti, che comunque avverrebbero solo successivamente. Quanto accaduto con Yazici, poi, dimostra soprattutto che tutti gli scenari dipendono dall’eventuale cessione del sergente. Con la monetizzazione importante che ne deriverebbe si andrà ad investire su un sostituto all’altezza.

Vista la deludente resa di Badelj e di Berisha, in caso si decidesse di agire in entrata, il profilo da cercare sarebbe quello di un “vice Leiva”. Anche se Cataldi, pur con caratteristiche diverse, ha dimostrato di poter giocare in quel ruolo.ù

Attacco

In avanti la rosa ha visto l’inserimento del giovane Adekanye. Che però è ancora un oggetto misterioso. Verrà valutato in ritiro, anche per capire bene le potenzialità di impiego. Se si confermerà la fiducia nei suoi confronti, allora è probabile che con Correa, Caicedo e Immobile il reparto sia da considerarsi a posto.

Anche per l’attacco, comunque, le eventuali cessioni sono una discriminante fondamentale. Il vice Immobile non è più necessario se Caicedo rimarrà. Ma qualora tornassero di moda le piste esotiche, arabe o cinesi per il panterone allora tutto cambierebbe. Così come un grosso scossone potrebbe avvenire se si materializzassero quelle che, per ora, sono solo voci di corridoio su Correa. L’argentino infatti, secondo questi rumors, sarebbe nella lista degli intessi del Milan. Ad oggi, in ogni caso, non risultano conferme.

“Il mercato non è chiuso”

A Lazio Style Radio 89.3, il responsabile della comunicazione De Martino ha detto che il mercato non è chiuso. “Entrerà nel vivo sul finale” ha aggiunto. Per i nuovi arrivi c’è entusiasmo tra la gente. I laziali hanno apprezzato la tempistica e la qualità dell’operato della società. Se poi si concretizzeranno o meno alcuni degli scenari descritti, solo il mercato lo dirà. Di sicuro, anche se qualche tifoso si aspettava ancora di più, tutto l’ambiente si augura, più di ogni altra cosa, che non ci siano addii eccellenti.

 

Leggi anche:

Calciomercato Lazio: da Rocchi a Lazzari, il valore dell’acquisto made in Italy

 

Adekanye carichissimo: “I sogni si realizzano, forza Lazio!”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti