Resta in contatto

News

Lazio, perché la permanenza di Inzaghi fa ben sperare

Lazio, Simone Inzaghi con la squadra ©sololalazio.it

Lazio, in attesa degli sviluppi sul fronte mercato i tifosi possono rimanere sereni e ben sperare

Prima o poi scopriremo tutta la verità sulla telenovela Inzaghi. Chissà, magari il giorno in cui il diretto interessato tornerà a parlare. Ma ogni cosa a suo tempo, questione di priorità. E per tutti i tifosi della Lazio, la priorità numero uno è aver avuto la certezza che società e allenatore abbiano trovato l’accordo sul rinnovo: biennale a 2 milioni a stagione (più bonus). Una notizia annunciata a gran voce da Lotito, che può far ben sperare in vista del futuro. Il motivo è facile: Inzaghi è un mister ambizioso, che non si accontenta. Non è uno sprovveduto, vuole arrivare in alto. E se ha deciso di mettere nero su bianco il prolungamento del matrimonio con la Lazio, significa che avrà avuto dalla società la certezza che la squadra verrà rinforzata.

Lazio, garanzie per Inzaghi

Garanzia è la parola chiave. Abbiamo raccontato – nel corso di queste settimane – gli incontri tra Lotito, Tare e Inzaghi, in cui il tecnico ha fatto precise richieste sul mercato. Vuole una squadra più competitiva: per qualità e quantità. Più giocatori pronti subito all’uso, meno scommesse che hanno bisogno di mesi per adattarsi al calcio italiano. Gli arrivi di Acerbi in primis e poi di Romulo rappresentano a pieno ciò che vuole Simone, che si sarà seduto al tavolo con i suoi dirigenti in una posizione più solida rispetto al passato, anche grazie alla vittoria della Coppa Italia. Lecito dunque aspettarsi che alcune scelte di mercato siano molto vicine alle sue volontà.

Fiducia massima

È un bel segnale la permanenza di Inzaghi. Continuità, serietà e attaccamento ai colori. “Ha prevalso l’amore”, ha ribadito Claudio Lotito. Oltre all’aspetto tecnico e del mercato, la passione e l’attaccamento alla maglia di Inzaghi sono di per sé una garanzia importante. Ha fatto il suo, ora toccherà alla società, poi ai giocatori e infine anche ai tifosi. Sì, perché anche loro reciteranno una parte importante nello spettacolo che la Lazio dovrà offrire la prossima stagione. Sostegno, critiche costruttive (non a priori) e fiducia. Dovranno trasmettere carica, serenità e tranquillità al gruppo che lavorerà a Formello, perché solo così si potranno raggiungere gli obiettivi prefissati. Ma di questo se ne riparlerà più avanti, per adesso può bastare la certezza che Inzaghi per un altro anno continui a sgolarsi a bordo campo con l’aquila sul petto.

Qui la risposta di Inzaghi ai messaggi che gli avete inviato tramite SololaLazio.it 

Leggi anche:

André Anderson, CorSport: “Farà parte della rosa”. Chance per Casasola

Lazio, ecco l’organigramma del settore giovanile: Rocchi promosso

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News