Resta in contatto

Oltre la Lazio

Roma, Kolarov: “De Rossi come un fratello per me”

Sulla vicenda dell’addio di De Rossi, Kolarov ha detto la sua in un intervista a DAZN: “Mai visto uno così appassionato”.

Sul Corriere dello Sport di oggi è riportata un’intervista che Kolarov ha rilasciato a DAZN. Il terzino della Roma, con un passato nella Lazio, ha detto la sua sulla vicenda dell’addio di De Rossi.

Ne ho conosciute tante di persone – ha dichiarato – ma nessuna appassionata di una squadra come De Rossi, che considero un fratello“.

Il serbo ha poi ricordato il suo esordio con i giallorossi e il primo approccio con l’attuale capitano: “Io ho giocato la prima partita con la Roma a Bergamo contro l’Atalanta. Succede che i capitani parlino prima di determinate partite, lui invece lo fa sempre e quando ho sentito l’emozione che ha messo nel suo discorso, ho pensato ‘questo mica sta bene’“.

La chiosa finale sembra un monito: “Tra qualche mese, quando inizierà la nuova stagione, tutti ci renderemo conto di cosa è stato Daniele De Rossi per la Roma“.

“Non posso convicere le persone che sono romanista”

In un passaggio dell’intervista Kolarov è tornato anche sugli episodi di contestazione che ha subito quest’anno. “Sono qui da due anni – ha detto – e non posso convincere i romanisti che sono romanista, ma ogni volta che scendo in campo cerco di dare il massimo“.

Il suo passato in biancoceleste ha un certo peso non indifferente agli occhi dei tifosi, ma lui affronta così la questione: “Ero giovane, in questa città sono cresciuto come uomo e come calciatore. Ma da quando sono tornato, alla Roma, me la sento veramente addosso“.

 

Leggi anche:

Lukaku su Instagram: “L’anno prossimo sarò con voi”

 

Torino, dieci anni alla banda dello spray

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Oltre la Lazio