Resta in contatto

News

Lazio, Magic Luis: “Sono felice, ho dato tutto me stesso”

Lazio, Magic Luis: "Sono felice, ho dato tutto me stesso"

Lazio, Luis Alberto si togie qualche sassolino dalla scarpa al termine della finale di Coppa Italia che ha risollevato una stagione critica

Con il sorriso di chi ha appena vinto un altro trofeo con la maglia della Lazio, Luis Alberto interviene ai microfoni delle emittenti spagnole Radio Onda Cero e As TV.

“Una stagione complicata per me. Anche in finale ho dovuto giocare con un’infiltrazione e per questo sono uscito. Sono contentissimo del trofeo e la presenza nella prossima Europa League.

E continua il centrocampista dalle doti magiche prendendo anche le difese di mister Simone Inzaghi:

Questo gruppo lo meritava e anche il mister che ha subito critiche gratuite assolutamente immotivate. Sono felice soprattutto per lui perchè ha dato tutto se stesso.

Abbiamo avuto merito doppio perchè la Juve in Italia vince tutto e noi gli abbiamo tolto due trofei negli ultimi due anni. La Juve è fortissima ma siamo riusciti a strappargli la Supercoppa in finale lo scorso anno.

In merito all’avversaria di ieri sera, Luis Alberto non si dice d’accordo sul fatto che siano una rivelazione dal momento che già da alcuni anni raggiungono buoni risultati esprimendo un bel gioco.

L’Atalanta non è una rivelazione, da tre anni fanno bene, è una squadra che mi piace perchè gioca all’attacco e giocano come fratelli. Un gruppo unito che andrà lontano.

Oggi non hanno vinto e io sono contento (ride). Gli auguri di andare in finale“.

E in merito al suo futuro…

é stato un anno duro per me e la mia famiglia, soprattutto quando i risultati non arrivano. Quando andava bene ero un fenomeno, quando le cose non giravano dovevo andare via. Questo infastidisce perchè la gente non capisce quanto noi soffriamo questa pressione continua.

Ora sono felice e voglio godermi questa vittoria. Andiamo a festeggiare con i miei compagni e poi vedremo a luglio. Festeggerò con mia moglie, i miei figli, i miei genitori e i miei amici che sono qui con me“.

Infine si augura che il Siviglia, sua squadra del cuore, possa raggiungere la Champions League nonostante la sua difficile posizione in classifica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News