Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, 10 motivi per dire “grazie” a Inzaghi. A prescindere da stasera

Lazio, Simone Inzaghi

Prima della finale di Coppa Italia, abbiamo individuato 10 motivi per essere riconoscenti a Simone Inzaghi. A prescindere dall’esito di stasera.

I risultati nel calcio sono fondamentali. Soprattutto per un allenatore: se vinci sei un eroe, se perdi sei da cacciare. È una dinamica  intrinseca nel dna di questo sport e difficilmente potrà essere alterata.

Lo sa bene Simone Inzaghi, che nell’ultimo periodo è spesso finito nell’occhio del ciclone della critica del mondo Lazio per una stagione ricca di alti e bassi. Ma i risultati, benché  decisivi per la sorte di qualcuno, non possono nascondere o macchiare il lavoro che si svolge quotidianamente. E quanto fatto da Inzaghi, nelle sue tre stagioni e mezze alla guida della prima squadra della Lazio, è stato e continua a essere un lavoro enorme.

Per questo, indipendentemente dall’esito della finale di Coppa Italia di stasera, ecco 10 (dei tanti) motivi per cui bisogna dirgli ‘grazie’.

I 10 motivi

  1. Davanti alle tv e in campo, ha sempre fatto la ‘guerra sportiva’ per difendere la Lazio contro i torti che subiva.
  2. Ha portato un altro trofeo nella Capitale, sponda biancoceleste: la Supercoppa italiana del 2017 vinta nel finale con la Juventus.
  3. In tre anni ha raggiunto, in Coppa Italia, due finali e una semifinale (persa ai rigori col Milan).
  4. Viaggia con una media punti inferiore soltanto a quella di Eriksson.
  5. Incarna a pieno lo spirito del tifoso laziale. Abbina l’umiltà tipica di un popolo che nella propria storia ha attraversato momenti duri alla spavalderia del primo club della Capitale.
  6. Ha contribuito in maniera evidente e indiscutibile all’aumento della valutazione di tanti giocatori. Ha recuperato Luis Alberto, ha scelto Strakosha e Luiz Felipe e dato fiducia incondizionata a Immobile. Giocatori che adesso rappresentano un vero e proprio patrimonio della società.
  7. Ha restituito credibilità, dignità e compattezza alla squadra, che da tre anni a questa parte ha un’identità di gioco e di atteggiamento ben chiara e precisa.
  8. Ha portato tutta la sua lazialità nel ruolo di allenatore. Cosa che non proprio tutti sono riusciti a fare e che gli ha permesso di riuscire a gestire una piazza difficile come quella di Roma.
  9. Mastica calcio dalla mattina alla sera e ha dimostrato di capirci tanto. Qualche esempio? Ha chiesto Immobile tre anni fa… e i numeri di Ciro gli danno ragione. Voleva Acerbi, Gomez e Lazzari quest’estate: il primo è arrivato e si sta dimostrando all’altezza, mentre gli altri due sono sempre tra i migliori nelle rispettive squadre.
  10. Ultimo, ma non per poca importanza, con la sua Primavera ha vinto la finale di Coppa Italia contro la Roma, bissando nel 2015 quanto fatto dalla prima squadra il 26 maggio 2013.
1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
franco
franco
1 anno fa

L’unico addebito : durante l’anno 2018/19 la squadra è stata falcidiata da troppi infortuni, raggiungendo una decina contemporaneamente. Inzaghi dovrebbe prestare più attenzione a questo aspetto.
Invece d’accordo per i dieci motivi menzionati.
Simone è un gran signore, un ottimo tecnico e un laziale nelle vene.
Bravo ! Continua così.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti