Resta in contatto

News

Finale Coppa Italia, Petrelli: “Li farei giocare tutti e 3 in attacco”

Lazio, Petrelli: "La banda di Inzaghi come noi del '74"

Una leggenda della Lazio scudettata nel ’74 interviene ai microfoni di Lazio Style Radio in vista della finale di Coppa Italia

Tanti ex biancocelesti sono intervenuti sull’emittente ufficiale della Lazio nella settimana della finale di Coppa Italia. Dal regista Totò Lopez al bomber biancoceleste Oliviero Garlini.

Oggi, lunedì 13 maggio, è intervenuta anche una leggenda della Lazio dello scudetto del ’74: Sergio Petrelli.

Tanti i complimenti per la prestazione di sabato contro il Cagliari, reputata come un’ottima reazione ai recenti risultati negativi. Per quanto riguarda gli 11 titolari di mercoledì, tanti i suggerimenti a mister Inzaghi.

“La Lazio ha ritrovato lo spirito di qualche tempo fa, vincere a Cagliari non era facile, hanno ripreso il passo, tutti sembrano siano tornati nella condizione ottimale. Hanno acquisito fiducia e se la giocheranno fino alla fine in ogni gara. Con l’Atalanta sarà una partita vera, i bergamaschi li vedo in flessione rispetto a prima, sono un po’ di partite che non sembrano essere sui loro livelli. Contro di noi, all’Olimpico, hanno pesato molto gli errori individuali.”

L’ex difensore si dice favorevole al tridente d’attacco:

“La Lazio si è ricompattata bene, la difesa è molto solida, non c’è una favorita per mercoledì, giocare in casa poi è un fattore da non sottovalutare. Parolo è tornato il calciatore fondamentale di qualche mese fa, Acerbi è un vero leader difensivo e Correa è tornato a segnare. Caicedo anche è in ottima forma, Immobile ha passato il momento brutto in una nuova veste di assist-man. Fosse per me li farei giocare tutti in attacco, Milinkovic non lo rischierei dati i problemi fisici, contando anche che Parolo è in grandissima condizione. Ora bisogna remare tutti nella stessa direzione compiendo l’ultimo sforzo per la conquista di un prestigioso trofeo. Le due compagini hanno ognuna il 50% di possibilità di conquistare la Coppa Italia.

Non si potrà assolutamente pensare di rinunciare a Immobile in finale, è impensabile.

L’attaccante partenopeo come già si è dimostrato può convivere benissimo con Caicedo o con Correa, mettere fuori qualcuno sarebbe un vero peccato. In questo momento il centrocampo della Lazio non può fare a meno di Parolo. Durante le partitelle in allenamento si giocava fino a che Chinaglia non vinceva, la partita durava anche per un’ora e mezza. Quelli erano veri allenamenti, sono cose che a mio parere mancano adesso, si deve sempre dare il 100% anche durante la settimana.”

Il segreto per la Finale di Coppa Italia? L’atteggiamento mentale dell’intera squadra:

“Lazio-Foggia del 1974 è stata decisa da Chinaglia, penso non potesse andare diversamente, il rigore trasformato da lui è stata una rete segnata da tutta la squadra a livello mentale diciamo, eravamo sicuri che la palla andasse in rete”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News