Resta in contatto

News

Lazio, CorSport: “Il piano di Inzaghi per la Coppa Italia”

Lazio, Farris e il Dott. Ripert Professori per l'Università Cattolica di Valencia

La Lazio e la finale di Coppa Italia: il Corriere dello Sport analizza le possibili mosse di Simone Inzaghi e i motivi per essere fiduciosi

Una finale per salvare la stagione: la Lazio si avvicina all’appuntamento del 15 maggio con due consapevolezze. La prima è che la Coppa Italia potrebbe essere l’unico viatico per conquistare un posto in Europa. La seconda è che la gara di campionato persa con l’Atalanta dovrà servire per non ripetere gli stessi errori.

Il Corriere dello Sport analizza allora i fattori per cui essere ottimisti in vista della finale e le chiavi su cui insistere per neutralizzare i bergamaschi.

La reazione

È proprio nei momenti di maggiore difficoltà che i biancocelesti hanno dimostrato di saper rialzarsi. Lo ha sottolineato anche Marco Parolo nel post partita di domenica, è un mantra per tutto l’ambiente laziale: la squadra crolla quando pensa di essere arrivata, tira fuori le unghie quando il terreno sta per cedere.

Le certezze

Lo stesso Parolo rappresenta uno degli aspetti più positivi per Inzaghi: dopo un periodo in cui ha ricaricato le pile, Marco è tornato a esprimersi ai livelli tradizionali. L’altro sorriso arriva da Bastos: l’angolano si trova benissimo accanto ad Acerbi, anche contro l’Atalanta è stato tra i giocatori più apprezzabili.

La chiave

C’è un’altra certezza: Inzaghi deve cambiare qualcosa del suo piano tattico per battere la squadra di Gasperini. Soprattutto, dovrà evitare che Leiva soffra di nuovo la trappola “Papu”: Gomez trascinava sistematicamente il brasiliano lontano dalla sua tradizionale zona di competenza.

I recuperi

Lulic ci sarà, Radu probabilmente e Milinkovic ci spera: tre big, tre “innesti” che Inzaghi spera di poter utilizzare in blocco per la finale del 15 maggio.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vattene

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News