Resta in contatto

Oltre la Lazio

Mancini: “I giovani faticano a trovare spazio, ma la qualità c’è”

Coronavirus, prende il via la campagna della FIGC #leregoledelgioco

Il ct della Nazionale Roberto Mancini ha parlato in conferenza stampa durante lo stage di Coverciano in corso in questi giorni

A Coverciano è in corso la due giorni di stage della Nazionale. Un’occasione per il commissario tecnico Roberto Mancini di valutare da vicino, in prima persona, l’evoluzione e i miglioramenti dei giovani talenti azzurri. Anche Danilo Cataldi, è stato chiamato dal ct a partecipare a questo raduno. le sue buone prestazioni in questa stagione, nella quale è tornato a vestire la maglia della Lazio, non sono sfuggite all’allenatore jesino.

In conferenza stampa, il tecnico ha parlato dell’atavico problema del calcio italiano. L’inserimento in campo dei ragazzi che escono dalle giovanili, a suo dire, rimane ancora difficoltoso in un campionato nel quale si bada solo al risultato. Eppure un progetto per il futuro della nazionale c’è.

Le nostre nazionali giovanili stanno facendo bene – ha dichiarato – il problema è che i nostri giovani faticano a trovare spazio in prima squadra, ma la qualità c’è. Vero è che far giocare i giovani è rischioso, e da noi quello che conta è il risultato, ma solo facendoli giocare e sbagliare poi diventano forti. Comunque qualcosa sta cambiando e adesso anche in Italia si punta a far giocare bene le proprie squadre, lo stesso provo a fare io insieme ai colleghi delle varie Under: vogliamo trasmettere un gioco bello e offensivo. L’Ajax per alcuni anni non ha vinto nulla perché ha dato spazio ai giovani, poi è diventata forte“.

Mancini ha anche lanciato un suggerimento per l’organizzazione della prossima serie A, in vista dei Campionati Europei del 2020.

Sarebbe meglio se il prossimo campionato finisse prima del 24 maggio. Lo spero per i nostri club impegnati in Europa, che arriverebbero a giocare le coppe più pronti, e per la Nazionale. Vorrei che ci ripensassero, perché le cose si possono sempre migliorare. Ai giocatori serve una settimana di scarico fra campionato e ritiro: se si vuole si può, visto che è l’anno dell’Europeo“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Oltre la Lazio