Resta in contatto

Parola ai tifosi

Lazio, per la Champions abbiamo il dovere di crederci fino in fondo

Lazio - Inter, l'abbraccio dell'Olimpico con oltre 55mila presenze

Per la rubrica ‘Parola ai tifosi’, il nostro amico Gianni esprime tutta la propria convinzione: per la Champions bisogna crederci fino alla fine

Settimana ottima per la Lazio, che con due vittorie in trasferta conquista finale di Coppa nazionale e tiene in piedi le flebili speranze di qualificazione Champions.

Una sterzata che comunque era necessaria dopo l’umiliante sconfitta casalinga contro il ChievoVerona già retrocesso, dopo la quale gran parte delle aspirazioni per riuscire ad arrivare quarti sono andate in soffitta.

Un mix di follia e di sfiga (due legni) anche domenica ha rimesso in carreggiata un Doria distrutto dai graffi del Panterone nel primo tempo. Fortunatamente i ragazzi sono rimasti uniti, portando a casa tre punti comunque importanti in chiave europea, considerando le contestuali vittorie di Torino, Atalanta e roman.

Il cammino resta in salita, dovendo ancora affrontare un Cagliari – che puntualmente contro di noi sfodera la partita della vita – e il Toro nell’ultima di campionato, mentre in casa ci aspettano Atalanta e Bologna. Ma i ragazzi hanno il dovere di crederci fino in fondo per i tanti tifosi che si aspettano un risultato di prestigio, oltre agli interessi economici in ballo.

E a proposito di Europa, non può far sorridere l’ennesima constatazione che chi dileggia la Lazio riceve poi tutto indietro per il karma: in Torino-Milan, Kessié ha causato il rigore e il suo compare di beffe ha preso una traversa.

Avanti Lazio!

 

Leggi anche:

Lazio, venduti già diecimila biglietti per la finale di Coppa Italia

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Parola ai tifosi