Resta in contatto

News

Lazio, l’ex Garlini: “In questi momenti bisogna rimboccarsi le maniche”

L'ex Lazio

L’ex attaccante della Lazio Oliviero Garlini ha parlato in radio del momento poco felice dei biancocelesti e di come affrontare questo finale di stagione.

Ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 è intervenuto l’ex attaccante biancoceleste Oliviero Garlini. In questo finale di stagione, secondo la sua opinione, la squadra di Inzaghi dovrà decisamente cambiare piglio e approcciare le prossime gare con tutt’altro atteggiamento. Queste le sue parole:

Con il Chievo è stata una brutta sconfitta. Sono partite in cui bisogna entrare in campo con testa e convinzione dei propri mezzi. La Lazio sarebbe potuta arrivare in Champions League. In situazioni come questa è il momento di rimboccarsi le maniche. Inzaghi non sarà contento, sicuramente non si aspettava di ritrovarsi in queste condizioni a fine stagione. Ma il campionato non è finito. Si devono ancora giocare le ultime partite e bisognerà farlo con il piglio giusto. Lotito ha fatto bene a parlare duramente alla squadra per cercare di dare motivazioni in più. Ora servono voglia e fame di portare a casa il risultato. Per il quarto posto adesso vedo favorita l’Atalanta. Secondo me è tra le squadre migliori di Europa per qualità di gioco. Hanno qualcosa in più degli altri. Si è visto ieri con il Napoli. Possono anche arrivare in finale di Coppa Italia. Loro giocano sereni, con la voglia di fare risultato e questo ti dà una marcia in più”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News