Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, Lotito a Formello: la sfuriata con la squadra

"La Lazio contro tutti": è guerra contro la società di Lotito

Lazio, Claudio Lotito piomba a Formello: il presidente striglia la squadra in vista della semifinale di Coppa Italia contro il Milan

 

Sport mediaset ha riportato oggi la notizia di una vera e propria sfuriata del presidente della Lazio, Claudio Lotito, nel centro sportivo di Formello. Ha fatto un duro discorso alla squadra poco dopo la fine dell’allenamento mattutino. Si è detto deluso dalla sconfitta con il Chievo e pretende una reazione da squadra vera in vista della delicata gara di ritorno di coppa Italia di mercoledì a San Siro contro il Milan.

Sul banco degli imputati è finito in primis Simone Inzaghi. Il presidente lo ritiene responsabile di una stagione che sta prendendo una brutta piega. Tra le accuse rivolte all’allenatore alcune scelte di formazione e il non aver valorizzato il mercato estivo e le risorse messe a sua disposizione.

Poi si è rivolto alla squadra e tutti sono stati messi difronte alle loro responsabilità. Di sicuro Milinkovic Savic verrà multato profumatamente. A tutti è stata chiesta la massima concentrazione e impegno. Lotito ha ribadito che non sono importanti i singoli, ma l’atteggiamento del gruppo. Nessuno dovrá sentirsi al sicuro. Neanche chi ha contratti pluriennali.

Se la società avesse anche solo il sentore che qualcuno non si impegni fino in fondo o abbia già tirato i remi in barca, non ci sarebbe alcuna remora nel metterlo fuori rosa sino al termine del contratto.

Il presidente ha fatto la voce grossa, anche perché sono in cantiere dei cambiamenti radicali a partire dal primo luglio prossimo. Indipendentemente dai risultati che verranno raggiunti.

Riporta sempre Sport Mediaset che una sostanziale riorganizzazione dei ruoli riguarderebbe soprattutto Igli Tare. Il d.s. potrebbe veder ridimensionata la sua posizione. Di fatto ha avuto sempre uno strapotere sul mercato e sulla gestione dello staff. Dall’anno prossimo sarà quasi certamente affiancato da Angelo Peruzzi e i compiti di entrambi verrano ridefiniti.

Lo staff sanitario verrà quasi totalmente azzerato. Il presidente non sarebbe rimasto soddisfatto dalla gestione dei recuperi di diversi infortuni occorsi in questa stagione e anche nella scorsa.

Se il messaggio sarà stato recepito lo si vedrà tra due giorni. La speranza è che non si debba chiudere anzitempo, in maniera fallimentare, un altro ciclo ed essere costretti a ripartire da zero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio
Fabio
1 anno fa

Le parole sono belle
Ma fino a che sono brutti i fatti
Il presidente rimane sempre chi è

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Casa Lazio