Resta in contatto

Lazio-Chievo, Parolo: “Dobbiamo chiedere scusa a tutti”

Approfondimenti

Lazio-Chievo, Parolo: “Dobbiamo chiedere scusa a tutti”

Lazio-Chievo, Marco Parolo commenta l’inattesa sconfitta casalinga contro i veneti: le dichiarazioni del centrocampista biancoceleste

Al termine di Lazio-Chievo, Marco Parolo è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel per commentare una sconfitta inattesa e pesantissima per la corsa europea.

Queste le dichiarazioni del centrocampista biancoceleste:

Oggi non abbiamo avuto il giusto atteggiamento, ci siamo svegliati solo dopo due schiaffi. C’è stata la reazione, ma non era la spirito di una squadra che sa quello che vuole. È un grosso errore quello di oggi, dobbiamo chiedere scusa a tutti“.

In questo mondo la testa e la voglia fanno tutto. Per essere una grande squadra bisogna mettere tutto dentro da subito. Serve un altro tipo di umiltà e d’intensità. Sul 3-0 forse puoi pensare di rilassarti. Noi non sappiamo gestire situazioni del genere. È un limite che abbiamo, pensavamo di poterlo superare ma non è così“.

Mercoledì c’è una partita che vale una stagione, andiamo in uno stadio tosto e dovremo affrontarla nel modo giusto, concentrandoci su noi stessi e accettare le critiche, dimostrando il nostro valore per riscattarci. Chi avrà voglia di farlo si vedrà mercoledì“.

Quando ci sono queste partite la colpa è del nervosismo che si accumula. Non sei lucido e fai gesti sbagliati“.

In 10 contro 11 cercavamo di prendere le misure e loro ci hanno colpito a freddo. Sul secondo non siamo stati attenti, non siamo stati bravi e lucidi a disporci bene e loro hanno capitalizzato due occasioni“.

La delusione c’è, a volte parlare a caldo dopo la partita si rischia di esagerare. Domani sapremo affrontare tutto nell modo corretto“.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Approfondimenti