Resta in contatto

Lazio-Chievo, Parolo: “Dobbiamo chiedere scusa a tutti”

Approfondimenti

Lazio-Chievo, Parolo: “Dobbiamo chiedere scusa a tutti”

Lazio-Chievo, Marco Parolo commenta l’inattesa sconfitta casalinga contro i veneti: le dichiarazioni del centrocampista biancoceleste

Al termine di Lazio-Chievo, Marco Parolo è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel per commentare una sconfitta inattesa e pesantissima per la corsa europea.

Queste le dichiarazioni del centrocampista biancoceleste:

Oggi non abbiamo avuto il giusto atteggiamento, ci siamo svegliati solo dopo due schiaffi. C’è stata la reazione, ma non era la spirito di una squadra che sa quello che vuole. È un grosso errore quello di oggi, dobbiamo chiedere scusa a tutti“.

In questo mondo la testa e la voglia fanno tutto. Per essere una grande squadra bisogna mettere tutto dentro da subito. Serve un altro tipo di umiltà e d’intensità. Sul 3-0 forse puoi pensare di rilassarti. Noi non sappiamo gestire situazioni del genere. È un limite che abbiamo, pensavamo di poterlo superare ma non è così“.

Mercoledì c’è una partita che vale una stagione, andiamo in uno stadio tosto e dovremo affrontarla nel modo giusto, concentrandoci su noi stessi e accettare le critiche, dimostrando il nostro valore per riscattarci. Chi avrà voglia di farlo si vedrà mercoledì“.

Quando ci sono queste partite la colpa è del nervosismo che si accumula. Non sei lucido e fai gesti sbagliati“.

In 10 contro 11 cercavamo di prendere le misure e loro ci hanno colpito a freddo. Sul secondo non siamo stati attenti, non siamo stati bravi e lucidi a disporci bene e loro hanno capitalizzato due occasioni“.

La delusione c’è, a volte parlare a caldo dopo la partita si rischia di esagerare. Domani sapremo affrontare tutto nell modo corretto“.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sono da tre squadre che ve fate sopraffare e avevate la vittoria in tasca bastava avere un pò più di testa cuore e voglia. VERGOGNATEVI perchè abbiamo iniziato all’inizio del campionato a incontrare le più forti JUVE E NAPOLI e abbiamo pensato che con queste era quasi normale perdere ma sapendo che poi l”altro anno non erano competitive ne Milan ne l’Inter ma queste non le avete messo in conto? Della Roma poi fate voi. Quindi con chi potevate vincere,? Imbecilli scanza fatiche mi dispiace solo che venite pagati lo stesso invece dovreste restituire i soldi alla società e rimborsare… Leggi il resto »

Franco
Franco
1 anno fa

C’è qualcuno che già è andato via, almeno con la testa. Qualcun altro pensa che non sarà riconfermato e si alterna tra sufficienza e voglia di strafare. Il Chievo ha fatto un’onesta partita con giocatori che si sono impegnati e ha avuto il coraggio di togliere quelli che si sentono già fuori. Forse dovremmo fare lo stesso??????
Milinkovich aveva ed ha il problema di avere un cartellino dal valore molto alto. L’anno scorso per questo motivo non è riuscito ad andare via. Quest’anno sta facendo di tutto per far scendere quel valore.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Squadra senza carattere a cui manca un leader vero a cui affidarsi nei momenti difficili. Temo che il limite sia di Inzaghi, bravo tecnicamente e applicato, bravo nel gestire gli uomini, ma privo della capacità di trasmettere “tigna” ai giocatori. Forse dimentica che nella sua squadra c’erano i Mancini, i Simeone, i Couto… Gente che in campo ti trascinava.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

NON CI SONO SCUSE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Scuse non accettate

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E certo con le scuse si risolve tutto ma vaaa,,,,

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Pipponi!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Alcuni giocatori si credono fenomeni e non lo sono altri veramente scarsi e questi sono i risultati troppe chiacchiere parlassero meno e corressero di più

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Esatto!!! ???

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti