Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio-Chievo, Inzaghi nel post partita: “Partita macchiata dall’episodio di Milinkovic”

Lazio, Inzaghi studia per migliorare ancora e per lo sprint finale

Intervenuto a Dazn, Simone Inzaghi ha provato a dare una spiegazione alla sconfitta subita contro il Chievo

Era una partita importantissima ma non abbiamo approcciato bene. Il risultato è compromesso anche dall’espulsione. Poi con i due gol presi è stato difficile restare concentrati. Poi, quando l’abbiamo riaperta ci si è messa la sfortuna. Ma questa è una partita grave per il nostro cammino“.

I ragazzi in settimana avevano lavorate bene. Oggi però abbiamo fatto male. Non avevamo fatto granché fino all’espulsione e poi siamo stati condizionati dagli episodi“.

Ora il calendario non è semplice e avremo delle defezioni. Dobbiamo stare calmi e rimanere lucidi. La brutta sconfitta compromette il cammino europeo, ma bisogna restare lucidi. Ora dobbiamo preparare la Coppa Italia e poi torneremo a pensare al campionato. Giocare dopo tre giorni può aiutare a smaltire la delusione. Il k.o. è pesante. Non sarebbe dovuto succedere. Ora dobbiamo restare tranquilli per mercoledì dove ci giochiamo la stagione“.

I nostri tifosi sono sempre stati un fattore in più, oggi questo sciopero ha influito sull’ambiente. Non conosco i motivi. Una spinta in più ci avrebbe aiutato, ma in generale non posso rimproverare niente ai tifosi quest’anno“.

Il mister è intervenuto in conferenza stampa per rispondere alle domande dei cronisti

Dovevamo mantenere alta la concentrazione, ma non abbiamo approcciato nel migliore dei modi. È stata una gara macchiata dall’espulsione di Milinkovic, una grave ingenuità pagata a caro prezzo. È un giocatore giovane, ma con tante gare alle spalle e non doveva farlo. Adesso dobbiamo essere bravi a essere lucidi in vista di mercoledì, dobbiamo ritrovare lo spirito giusto per la semifinale“.

Sono a capo della squadra, è normale che le responsabilità sono prima di tutto mie. In casa contro il Chievo dovevamo vincere. Sapevo che sarebbe stata una partita che ci avrebbe creato insidie. Nella ripresa dovevamo rientrare in un altro modo, abbiamo avuto un approccio molle. Sul primo gol è stato bravo Vignato, sul secondo abbia fatto una lettura sbagliata. Le occasioni le abbiamo create, è difficile in inferiorità numerica“.

Ora l’Europa League come obiettivo?
Dobbiamo resettare sul campionato, ora concentriamoci sul Milan. Siamo convinti che dobbiamo arrivare almeno in Europa“.

Inzaghi ha parlato anche a Lazio Style Channel

Sono molto deluso e arrabbiato. Milinkovic ha commesso un grandissima ingenuità, inaccettabile. Il Chievo ha fatto la sua partita, dovevamo essere bravi a mantenere la calma, invece con una sciocchezza l’abbiamo pagata“.

Domani ai ragazzi dirò che dobbiamo mantenere lucidità e calma perché tra tre giorni ci giochiamo una finale su un campo tosto“.

La partita era bloccata e non mi va bene che siamo innervositi. Non siamo stati capaci di gestire la situazione. Ci siamo fatti prendere dalla foga e l’espulsione ha indirizzato la gara. Dobbiamo pensare a mercoledì poi il calendario non sarà facile ma abbiamo il dovere di mantenere aperto il discorso europa. Ora però concentriamoci su mercoledì sera. Lavoreremo domani e lunedì per trovare concentrazione anche se non è facile dopo un ko pesante come questo“.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Approfondimenti