Resta in contatto

News

Lazio, Oliviero Garlini: “La squadra non è tranquilla, con il Milan mi aspetto una reazione”

Lazio-Sassuolo, minuto di silenzio

L’ex attaccante dei biancocelesti ha parlato a Lazio Style Radio

Oliviero Garlini, ex attaccante della Lazio, ha parlato intervistato dai microfoni di Lazio Style Radio,  del momento degli uomini di Inzaghi.

“Per me la situazione è quasi drammatica, la squadra non è tranquilla e Immobile ne è l’esempio. Non può sbagliare quei gol, dopo va giù il morale e perdi la fiducia. Probabilmente Ciro è nervoso anche per la situazione in nazionale, dovrebbe stare tranquillo e parlare con lo staff. Tanti giocatori sono in crescita e forse sono ancora in tempo per lottare per la Champions League, dipende anche dal risultato contro l’Udinese. Quando entri in campo con squadre che devono lottare per non retrocedere è dura, bisogna dare qualcosa in più che la Lazio non ha dato contro Sassuolo e SPAL. In questo momento non si può sbagliare nulla, tutti i compagni si devono aiutare a vicenda e devono entrare in campo con serenità e voglia di vincere, come hanno fatto nel derby e contro l’Inter”.

LAZIO-SASSUOLO – “Il gol di Berardi non si può prendere, occorre anche saper difendere e saper gestire i diversi momenti della gara, persino Leiva ha fatto fatica. Radu l’ho visto in grande difficoltà, invece mi è piaciuto Marusic perché ha aiutato la squadra sia in fase offensiva che difensiva, anche se va recuperato qualcosa sotto l’aspetto mentale”.

MILAN – “È crollato dopo aver perso il derby, ora fa molta fatica in fase difensiva e non basta quello che riesce a creare Piatek in attacco. Gattuso sta facendo rendere la squadra di più rispetto al suo reale valore, ma ora il Milan è in sofferenza sia fisica che mentale”.

MILAN-LAZIO – “Mi aspetto una reazione dalla Lazio, Milinkovic è sicuro di sé e può essere decisivo per dare la svolta. Nei momenti di difficoltà bisogna affidarsi a lui e Luis Alberto. Sarà fondamentale l’approccio alla partita, personalmente farei giocare Parolo perché può aiutare in difesa e dare maggiore equilibrio”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da News