Resta in contatto

News

Lazio, Oliviero Garlini: “La squadra non è tranquilla, con il Milan mi aspetto una reazione”

Lazio-Sassuolo, minuto di silenzio

L’ex attaccante dei biancocelesti ha parlato a Lazio Style Radio

Oliviero Garlini, ex attaccante della Lazio, ha parlato intervistato dai microfoni di Lazio Style Radio,  del momento degli uomini di Inzaghi.

“Per me la situazione è quasi drammatica, la squadra non è tranquilla e Immobile ne è l’esempio. Non può sbagliare quei gol, dopo va giù il morale e perdi la fiducia. Probabilmente Ciro è nervoso anche per la situazione in nazionale, dovrebbe stare tranquillo e parlare con lo staff. Tanti giocatori sono in crescita e forse sono ancora in tempo per lottare per la Champions League, dipende anche dal risultato contro l’Udinese. Quando entri in campo con squadre che devono lottare per non retrocedere è dura, bisogna dare qualcosa in più che la Lazio non ha dato contro Sassuolo e SPAL. In questo momento non si può sbagliare nulla, tutti i compagni si devono aiutare a vicenda e devono entrare in campo con serenità e voglia di vincere, come hanno fatto nel derby e contro l’Inter”.

LAZIO-SASSUOLO – “Il gol di Berardi non si può prendere, occorre anche saper difendere e saper gestire i diversi momenti della gara, persino Leiva ha fatto fatica. Radu l’ho visto in grande difficoltà, invece mi è piaciuto Marusic perché ha aiutato la squadra sia in fase offensiva che difensiva, anche se va recuperato qualcosa sotto l’aspetto mentale”.

MILAN – “È crollato dopo aver perso il derby, ora fa molta fatica in fase difensiva e non basta quello che riesce a creare Piatek in attacco. Gattuso sta facendo rendere la squadra di più rispetto al suo reale valore, ma ora il Milan è in sofferenza sia fisica che mentale”.

MILAN-LAZIO – “Mi aspetto una reazione dalla Lazio, Milinkovic è sicuro di sé e può essere decisivo per dare la svolta. Nei momenti di difficoltà bisogna affidarsi a lui e Luis Alberto. Sarà fondamentale l’approccio alla partita, personalmente farei giocare Parolo perché può aiutare in difesa e dare maggiore equilibrio”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News